in ,

Pensionato suicida Etruria, parla chi gli fece firmare il contratto: “Ordini shock dai piani alti”

Marcello Benedetti non lavora più a Banca Etruria, circa un anno fa è stato licenziato per via di un procedimento penale pendente. Adesso si occupa di tutt’altro, ovvero montaggio caldaie, ma il suicidio di Luigino D’Angelo – il pensionato che si è tolto la vita dopo aver perso tutti i risparmi – tormenta la sua coscienza. L’ex dipendente di Etruria si sfoga a Repubblica: “E’ stato uno dei primi clienti ai quali ho proposto l’investimento firmò il questionario che sottoponevamo, nelle prime pagine c’era scritto ‘investimento a basso rischio’ poi in quelle successive il rischio diventava alto ma era un carteggio di 60 pagine che nessuno leggeva“.

Una vera e propria truffa a danno dei clienti, l’uomo prosegue nel racconto: “Ho Luigino sulla coscienza, gli ho venduto le obbligazioni rischiose perché obbligato dalla banca“Benedetti conferma il modus operandi di Banca Etruria che spingeva a far acquistare i titoli ad alto rischio ai propri correntisti.

L’ordine della banca: vendete le obbligazioniAvevamo l’ordine di convincere quanti più clienti possibili, ogni settimana dovevamo presentare i report per vedere se raggiungevamo gli obiettivi fissati. Ed era una gara contro il tempo, chi non raggiungeva i target veniva pesantemente richiamato dalla direzione.” I clienti in questione erano principalmente pensionati, che chiedevano investimenti sicuri per tutelare la propria vecchiaia.

Seguici sul nostro canale Telegram

Euro 2016 Repubblica Ceca Croazia

Sorteggio Euro 2016 oggi alle 18: diretta tv, streaming

Stroili Oro lavora con noi

Stroili Oro lavora con noi 2016: offerte di lavoro anche per le categorie protette