in

Pensioni 2016 news oggi: Matteo Renzi risponde a Vittorio Feltri, “Le pensioni, oggi, sono sicure per tutti”

Domani 12 settembre si svolgerà un importante tavolo tecnico tra il Governo e i sindacati per provare a definire nel dettaglio un provvedimento condiviso di modifica dell’attuale sistema previdenziale. Nell’ultimo e definitivo incontro del prossimo 21 settembre Governo e sindacati verificheranno se si saranno realizzate le condizioni per un accordo auspicato da entrambi le parti.

LEGGI TUTTO SULLA RIFORMA DELLE PENSIONI 2016!

Ieri sera alla Festa dell’unità di Modena si è avuto un assaggio di questo confronto con la partecipazione del ministro del Lavoro, Giuliano Poletti, e del segretario regionale dello Spi, Ivan Pedretti. Il dibattito aveva per titolo “Lavoro e pensioni che autunno ci aspetta?”. I temi trattati hanno riguardato l’Anticipo pensionistico, l’adeguamento delle pensioni minime con la quattordicesima estesa a più di due milioni di pensionati, l’ottava salvaguardia per gli esodati, il bonus contributivo per anticipare il pensionamento dei lavoratori precoci, la proroga di Opzione Donna.

Anche il premier Matteo Renzi è tornato sul tema delle pensioni rispondendo in questo modo alla lettera aperta inviatagli da Vittorio Feltri, direttore di Libero che aveva mostrato scetticismo sulle proposte del Governo, ritenendo che le pensioni debbano essere strettamente legate ai contributi effettivamente versati dai lavoratori: “A proposito di pensioni, però, occorre essere chiari su un punto e fare una distinzione: nessuno tocca le pensioni retributive.
Chi prende una certa cifra, anche se inferiore rispetto a quanto effettivamente versato, non rischia in alcun modo di vedersela ridotta. Le pensioni, oggi, sono sicure per tutti. Per la prima volta in Italia, dopo anni, ne converrà che si parla di pensioni non per ridurle, ma per aumentarle.
Tra intervento sulle pensioni basse e meccanismi per favorire l’ anticipo di uscita, sulla previdenza vogliamo mettere più soldi, e non di meno come accaduto in passato.
Le decisioni nel merito verranno assunte nelle prossime settimane e nei prossimi mesi, è importante però che sia chiara la nostra filosofia di fondo: nelle tasche dei pensionati non si mettono le mani, ma più soldi. L’ equità deve essere la stella polare della nostra politica economica”.

Nata e cresciuta in Sicilia. Studi classici e giuridici, lettrice appassionata di poesie e letteratura. Convinta sostenitrice che esiste una seconda possibilità in ogni campo anche per l'Italia.

Lavorare dal Boss delle Torte

Lavorare dal Boss delle Torte come camerieri a New York: presto le selezioni in Italia

real bodies milano

Mostra Real Bodies a Milano: date, biglietti e info dell’atteso evento