in

Pensioni 2016 news oggi: ottava salvaguardia e Opzione Donna subito, a costo zero, Cesare Damiano sollecita Matteo Renzi

Il presidente della Commissione Lavoro alla Camera, Cesare Damiano, esponente della minoranza dem, avverte il premier Matteo Renzi affinché nelle scelte della prossima Legge di Bilancio si assuma come priorità il capitolo della riforma delle pensioni stanziando per la copertura finanziaria la cifra minima di 2 miliardi di euro. L’ex ministro del Lavoro aggiunge che: “Per l’ottava salvaguardia, che potrebbe riguardare circa 30.000 lavoratori, le risorse ci sono e il Governo potrà raggiungere questo importante obiettivo, che chiuderebbe definitivamente il problema degli esodati, a costo zero. Idem per Opzione Donna, per la quale è prevedibile la realizzazione di un risparmio nel monitoraggio previsto a settembre, che consentirebbe di prolungare la sperimentazione e di mandare in pensione altre lavoratrici. Anche questo a costo zero. Infine, non va trascurato il fatto che nel Fondo dei lavori usuranti esistono ancora risorse significative che possono essere utilizzate e da aggiungere ai 2 miliardi della manovra-pensioni”.

LEGGI TUTTO SULLA RIFORMA DELLE PENSIONI 2016!

Damiano in un’intervista concessa all’Unità evidenzia che le modifiche alla legge Fornero saranno vantaggiose anche per i giovani, perché: “Con l’anticipo di 3 anni e 7 mesi del­l’uscita dal lavoro si può generare un turn over che favorisce l’occupazione  dei giovani. In secondo luogo, come ha annunciato Nannicini, la fase 2 del con­fronto con i sindacati dovrebbe affronta­re il tema della revisione del sistema contributivo che riguarda esclusivamente i più giovani ­ cioè quelli entrati al lavoro dal primo gennaio 1996, che avranno la pensione calcolata esclusivamente sui contributi versati. Questi giovani po­tranno andare in pensione a 63anni, ma a condizione che abbiano una pensione superiore a 2,8 volte l’assegno sociale. Questo vincolo va rimosso perché in tempi di discontinuità occupazionale è difficilmente raggiungibile: per i giovani andrebbe prevista l’integrazione al minimo”.

Il presidente della Commissione Lavoro conferma l’assoluta necessità di risolvere le vertenze degli esodati e della proroga di Opzione Donna: “Con la collega Gnecchi, abbiamo presentato una proposta di leg­ge per l’ottava salvaguardia, che fa parte della piattaforma dei sindacati ed è a co­sto zero. L’ultimo aggiornamento del­l’Inps del 10 agosto dice con chiarezza che rispetto ai 172mila lavoratori da sal­vaguardare, quelli che lo sono già sono 130mila. Accantoniamo per prudenza 10mila posizioni per i lavoratori in mobi­lità delle aziende che non hanno ancora risposto al censimento e vediamo che ri­mangono a disposizione altri 32mila po­sti già finanziariamente coperti, con i quali l’ottava salvaguardia consentireb­be al governo di concludere definitiva­ mente la questione aperta nel 2011 con la “riforma” Fornero. Un bel risultato a co­sto zero. La seconda questione è quella relativa all”‘opzione donna”: dai primi dati emerge che avevamo ragione quan­do sostenevamo che il governo, nella leg­ge di bilancio del 2016, aveva sovrasti­mato le 36mila domande e i 2,5 miliardi stanziati per le donne che scelgono di andare in pensione con 57 o 58 anni di età e 35 di contributi ma accettando un asse­gno decurtato del 30 per cento. Per que­sto è giusto che i risparmi che si realizze­ranno vengano usati per prolungare la sperimentazione. Le due misure contri­buirebbero a svuotare il bacino dei ri­chiedenti l’anticipo pensionistico”.

Diabete 5 consigli per gestirlo in vacanza

Diabete: 5 consigli utili per gestirlo durante le vacanze estive

Tara Gabrielletto e Cristian Gallella

Uomini e Donne: Tara Gabrielletto e Cristian Gallella matrimonio spostato e spunta Alessia Messina