in

Pensioni 2016 news oggi: pensione anticipata e flessibilità il Governo fissa l’agenda e parla di risorse rilevanti

Potrebbero esserci buone novità per i lavoratori che aspettano di capire come finirà la vicenda della riforma delle pensioni e quali modifiche il Governo inserirà nella prossima Legge di Stabilità per dare risposta alle tante categorie di lavoratori penalizzati dalla Legge Fornero. Il Governo ha definito la tempistica fissando per il 7 settembre il confronto con i sindacati e per il 12 dello stesso mese la definizione delle misure per pensionati e pensionandi.

LEGGI TUTTO SULLA RIFORMA DELLE PENSIONI 2016!

Sul sito intelligonews.it il ministro del Lavoro, Giuliano Poletti, ha parlato di “risorse rilevanti” da destinare alla flessibilità previdenziale, occorrerà comunque individuare con le parti sociali le misure prioritarie da adottare. Attualmente si discute di una cifra intorno a poco più di due miliardi di euro da stanziare per il pacchetto previdenza che comprenderebbe la quattordicesima mensilità a favore di coloro che percepiscono una pensione sotto i 750 euro limite minimo che crescerebbe fino a mille euro, l’estensione della no tax area e infine la pensione anticipata per i lavoratori usuranti e precoci, per i quali il requisito anagrafico dei 67 anni appare veramente alto.

In ogni caso non si possono nascondere le difficoltà di far quadrare le esigenze sociali espresse dai lavoratori con i limiti e le ristrettezze dell’attuale situazione del finanza pubblica così come evidenzia lo stesso l’ex parlamentare Giuliano Cazzola su formiche.net: “A stare a quanto viene anticipato dai quotidiani, gli interventi sul sistema pensionistico da inserire nella Legge di Stabilità sembrano essere ragionevoli, dal momento che affrontano situazioni settoriali e specifiche. Tuttavia, anche per queste misure occorrerebbero risorse significative, in una situazione di finanza pubblica che continuaad essere problematica e parecchio incerta”.

Placebo 20 Years, Brian Molko e compagni festeggiano così: in arrivo una raccolta, un tour e un LP

Ictus insonnia e apnea ostruttiva aumentano i rischi

Ictus: insonnia e apnea ostruttiva aumentano il rischio di insorgenza