in

Pensioni 2016 news oggi: pensione anticipata e quota 41, tensioni, repliche tra i lavoratori e rinvii del Governo

I lavoratori in attesa di andare di andare in pensione aspettano con molta apprensione l’inserimento nella Legge di Stabilità di alcuni provvedimenti relativi al sistema previdenziale. Il rinvio dell’incontro tra Governo e sindacati e quello tra i i lavoratori precoci e i rappresentati dei tecnici che stanno lavorando ai provvedimenti che li riguardano sono motivo di esasperazione, tensione e molto scetticismo all’interno degli stessi gruppi sorti sui social network.

LEGGI TUTTO SULLA RIFORMA DELLE PENSIONI 2016!

In un lunghissimo post pubblicato sulla bacheca Facebook “Lavoratori precoci uniti a tutela dei propri diritti” , Moreno Barbuti, uno degli amministratori replica alle critiche ricevute sul web da parte di altri lavoratori sulla correttezza dell’operato degli stessi amministratori del gruppo, in particolare di Roberto Occhiodoro, nella lotta per portare avanti la loro vertenza, con accuse che principalmente riguarderebbero comportamenti dittatoriali, filo governativi e di interesse personale: “Quello che ci ha sempre contraddistinto e che ci contraddistingue tuttora, è il fatto che pur non avendo la certezza di vincere, anzi consapevoli che è possibile perdere o comunque ottenere dei risultati diversi da quelli sperati, abbiamo deciso di intraprendere la nostra lotta e di batterci ugualmente fino in fondo. Abbiamo iniziato con dei piccoli passi, per poi compiere grandi falcate che ci hanno avvicinato significativamente alla meta, ora continuiamo con tenacia e perseveranza a martellare, anche se ci sentiamo piccolissimi di fronte ad un meccanismo molto più grande di noi”.

Ripercorrendo la battaglia per ottenere la Quota 41, fatta di interventi televisivi, presidi nelle varie piazze d’Italia, ma soprattutto a Roma davanti ai vari ministeri, Moreno Barbuti chiama a raccolta la solidarietà di tutti i lavoratori per condurre una battaglia di civiltà: “Purtroppo non abbiamo armi particolari oltre a quelle “convenzionali” […] Teniamo ferma la ragione di esistere del nostro gruppo sulla motivazione che ci ha sempre spinto e per cui è nato, il diritto di poter essere collocati in pensione dopo 40/41 anni di lavoro e di contributi versati, senza lasciarci distrarre dalle calunnie provenienti da chicchessia”.

Fiorentina Roma highlights

Roma – Liverpool 2-1 highlights, video gol e sintesi Amichevole 2016

Mediaset trattativa, de Puyfontaine va giù duro: “Non puoi vendere una Punto come una Ferrari”