in

Pensioni 2016 news oggi: pensione anticipata e risorse ridotte per i sindacati il Governo si sbugiarderebbe

Le notizie che arrivano dal fronte governativo e della maggioranza parlamentare sulla possibilità che il Governo per la copertura delle misure di modifica del sistema previdenziale stanzi “solamente” la cifra di 1,5 miliardi scontenta i sindacati, che pure sul confronto con il Governo hanno scommesso senza pregiudizi, ma con grande buona volontà. Il segretario confederale della Cisl, Maurizio Petriccioli, ha così espresso le sue preoccupazioni: “Se fosse confermato lo stanziamento di 1,5 miliardi per dare soluzione alle numerose vertenze previdenziali aperte nel Paese, sarebbe sbagliato che, dopo il positivo lavoro fatto con il Governo alla ricerca di una maggiore equità, le risorse a supporto delle soluzioni comunemente individuate risultassero uno stanziamento iniquo”.

LEGGI TUTTO SULLA RIFORMA DELLE PENSIONI 2016!

La Cisl rivolge un appello al Governo perché: “Intervenga per separare le soluzioni alla vertenza previdenziale dal ‘rumore estivo’”. Anche la Cgil prontamente reagisce a questa ipotesi con un tweet sarcastico definendo “un rilevante ‘striminzito’, le risorse che il ministro del Lavoro aveva assicurato”, seguito da una fotografia dell’agenzia di stampa in cui era stato comunicato che: “Nell’ultimo incontro Governo-sindacati il ministro del Lavoro, Giuliano Poletti, aveva assicurato che le risorse che il Governo era impegnato a reperire sarebbero stati rilevanti. Evidente la stilettata al Governo che con lo stanziamento di 1,5 miliardi “sburgiaderebbe” se stesso”.

Anche la Uil attraverso il suo segretario confederale, Domenico Proietti, esprime il suo mal contento sulle intenzioni del Governo che non starebbe stanziando le risorse adeguate: “Per rispondere efficacemente alle questioni affrontate, dall’ampliamento della platea degli usuranti alla gratuità delle ricongiunzioni, dai 41 anni di contributi come condizione sufficiente per l’accesso alla pensione sino all’anticipo pensionistico e all’adeguamento degli assegni pensionistici in essere, siano necessari 2,5 miliardi”. Secondo lo stesso Proietti la cifra adeguata sarebbe quella dei 2,5 miliardi che è possibile trovare “nei risparmi realizzati, in questi anni, proprio a seguito di reiterti interventi sulla previdenza”.

jet russo abbattuto news

Russia Turchia: cosa si nasconde dietro all’incontro tra il Sultano Erdogan e lo Zar Putin

Filippine: cosa vedere? Isole, spiagge e avventure in mezzo alla natura