in

Pensioni 2016 news oggi: pensione precoci a 41 anni e 10 mesi, ipotesi sempre più vicina

Il ministero del Lavoro ha comunicato che: “Per completare gli gli approfondimenti sulle materie al centro del confronto in atto”, l’incontro tra Governo e sindacati sulle pensioni è stato rinviato al pomeriggio del 27 settembre. Il vertice sarà definitivo e si proverà a definire l’accordo sui provvedimenti in tema di pensioni da inserire nella legge di Stabilità 2017. Saranno presenti, per il Governo il ministro Giuliano Poletti e il sottosegretario Tommaso Nannicini e i segretari generali di Cgil, Cisl e Uil, Susanna Camusso, Anna Maria Furlan, Carmelo Barbagallo.

LEGGI TUTTO SULLA RIFORMA DELLE PENSIONI 2016!

Mentre c’è già una sostanziale convergenza su l’Anticipo pensionistico, sull’ampliamento dei beneficiari della quattordicesima e della no tax area per i pensionati e sulla cancellazione delle ricongiunzioni onerose, restano aperte le questioni del pensionamento anticipato per i lavoratori precoci e per gli addetti a mansioni usuranti.

La categoria dei lavoratori precoci che si sta battendo per andare in pensione con la quota 41 proposta da Cesare Damiano non ha accolto con favore la proposta del Governo di un bonus contributivo da riconoscere a chi ha cominciato a lavorare prima dei 16 anni, perché a loro avviso sarebbero pochi i lavoratori beneficiari del provvedimento. Il compromesso tra la richiesta dei precoci e la proposta governativa potrebbe essere quello di alzare l’asticella a Quota 41 e 10 mesi,che permetterebbe l’uscita anticipata dal 2017 con 41 e 10 mesi di contributi piuttosto che con 42 e 10 mesi come previsto dalla Fornero.

Nata e cresciuta in Sicilia. Studi classici e giuridici, lettrice appassionata di poesie e letteratura. Convinta sostenitrice che esiste una seconda possibilità in ogni campo anche per l'Italia.

Addio pagamenti in contanti: Moneynet lancia Mr.Pos

La Vita Possibile film 2016, Ivano De Matteo: “Valeria Golino e Margherita Buy in una storia di dramma e amicizia” [INTERVISTA]