in

Pensioni 2016 news oggi: precoci, esodati e lavoratrici, ecco gli emendamenti della Commissione Lavoro

La Commissione Lavoro della Camera ha presentato delle modifiche alla legge di Bilancio. I circa trenta emendamenti sono stati presentati dal presidente della stessa Commissione, Cesare Damiano, dall’Onorevole Maria Luisa Gnecchi, relatrice al disegno di legge di Bilancio in Commissione Lavoro. Ora le proposte di modifica passeranno all’esame della Commissione Bilancio. Gli emendamenti riguardano: l’ampliamento dellOttava salvaguardia per i lavoratori esodati, proroga dell’Opzione Donna fino al 31 luglio 2016, estensione dell’Ape sociale e della Quota 41 ad altre 8 categorie di lavoratori addetti a mansioni “gravose”.

LEGGI TUTTO SULLA RIFORMA DELLE PENSIONI 2016!

La modifiche relativa all’ottava salvaguardia riguardano: lo spostamento dal 31 dicembre del 2012 al 31 dicembre del 2014 del termine per l’accesso alla mobilità o al trattamento speciale edile per i lavoratori beneficiari di tale tutela; l’aumento a 24 mesi della scadenza per coloro che versano volontariamente i contributi previdenziali per gli autorizzati al 4 dicembre 2011, senza versamento di un contributo volontario alla data del 6 dicembre 2011 e per i lavoratori cessati da contratti a tempo determinato entro il 2011 per accedere alla salvaguardia pensionistica. Anche per queste due categorie di lavoratori si introdurrebbe il termine per la decorrenza della pensione al 6 gennaio 2019 (dal 6 gennaio 2018 come prevede l’attuale testo proposto dal Governo). Infine l’ampliamento a chi ha beneficiato nel 2011 del congedo straordinario per assistere il coniuge, non solo il figlio, con grave disabilità. Per tutte queste categorie l’eventuale attività lavorativa a tempo indeterminato in lavori domestici non comporta esclusione dalla tutela.

Per quanto concerne l’Ape sociale la Commissione Lavoro propone la diminuzione degli anni di contribuzione da 36 a 35 per potervi accedere per i lavoratori impegnati in attività “gravose”, insieme a questo si vorrebbe l’accesso all’Ape Sociale e alla Quota 41 anche ad altre 8 categorie di lavoratori oltre alle 11 già definite dal Governo. Si tratterebbe dei “lavoratori marittimi; i lavoratori impiegati in attività di estrazione, importazione, lavorazione, utilizzazione, commercializzazione, trattamento e smaltimento dell’amianto; i lavoratori in altezza come indicato nella tabella A allegata al decreto legislativo 11 agosto 1993, n. 374; gli operai agricoli; gli Stuntman; gli operai occupati in attività di stampaggio a caldo che manipolano particolari in acciaio ad alte temperature; gli operatori socio sanitari; i pescatori imbarcati a bordo ai sensi dell’articolo 115 del codice della navigazione”. Relativamente ai lavori “gravosi” è stata presentata anche la richiesta di rivedere il requisito dello svolgimento in via continuativa da almeno sei anni dell’attività gravosa, in considerazione delle frequenti interruzioni per la chiusura dei cantieri tipico delle attività edili e di manutenzione degli edifici. Ai fini del raggiungimento della contribuzione necessaria per accedere all’Anticipo pensionistico sociale è comunque rilevante la contribuzione figurativa. In un’altra proposta di modifica si chiede al Governo di trasmettere alle Camere entro il 10 settembre 2018 una relazione in cui si evidenzino i risultati delle sperimentazioni riguardanti l’APE Sociale, l’APE volontario e la RITA a fini di una loro eventuale prosecuzione.

Infine sono stati presentati emendamenti per permettere il cumulo gratuito dei contributi versati in gestioni separate per agevolare l’accesso a Opzione Donna, insieme alla proroga di questo regime fino al 31 luglio del 2016 per includere le lavoratrici nate nell’ultimo trimestre del 1958 rimaste fuori per il calcolo della speranza di vita.

Nata e cresciuta in Sicilia. Studi classici e giuridici, lettrice appassionata di poesie e letteratura. Convinta sostenitrice che esiste una seconda possibilità in ogni campo anche per l'Italia.

Il “Diario libanese” di Davide e Sabrina: Beirut, il giorno dell’arrivo

Diretta live Olimpia Milano-Efes Istanbul risultato

Diretta Olimpia Milano-Efes Istanbul 105-92 risultato finale Eurolega