in

Pensioni 2016 news oggi: precoci e Quota 41, Cesare Damiano giudica positivo il risultato raggiunto, i lavoratori no

La questione per la Quota 41 per i lavoratori precoci continua a tenere banco in vista dell’approfondimento dei tavolo tecnico, dove si definirà l’elenco delle “mansioni gravose che costituiranno requisito preliminare congiuntamente a un periodo di lavoro di almeno 12 mesi prima dei 19 anni per accedere alla pensione anticipata con 41 anni di contributi e senza limiti di età o penalizzazioni.

LEGGI TUTTO SULLA RIFORMA DELLE PENSIONI 2016!

Il presidente della Commissione Lavoro, Cesare Damiano, che aveva presentato una proposta di legge in cui si prevedeva la Quota 41 per tutti i lavoratori precoci, a specifica domanda che un telespettatore gli ha rivolto durante la trasmissione mi manda Rai Tre ha giudicato positivamente il fatto che nel verbale firmato da Governo e sindacati sulla riforma delle pensioni sia stata inserita una parte proprio per i precoci che apre un varco per uscire anticipatamente da lavoro con 41 anni di contributi. A questo parziale risultato va aggiunta la definitiva cancellazione delle penalizzazioni per chi accederà alla pensione anticipata a 62 anni, avendo iniziato la propria carriera lavorativa tra i 14 e i 18 anni.

La categoria dei lavoratori precoci che si è sempre battuta per ottenere la Quota 41 senza penalizzazioni e senza limiti anagrafici per tutti, è molto delusa da questo risultato che discriminerebbe una parte di loro e per giorno 18 aprile dalle ore 10 alle 14 si preparano a manifestare di fronte a Piazza Montecitorio.

Seguici sul nostro canale Telegram

Moulin Rouge Parigi, dal 1889 ad oggi: la storia dell’inaugurazione

Capodanno 2017 crociera: le migliori offerte da MSC a Costa Crociere