in

Pensioni 2017 news: Ape quanto costa? Più vantaggiosa all’inizio, ecco perché

Ormai dovrebbe mancare solo qualche ora per conoscere finalmente il contenuto dei decreti attuativi relativi all’Ape, l’Anticipo pensionistico, misura centrale della riforma delle pensioni approvata con la legge di Bilancio 2017. Uno dei nodi più difficili da affrontare per il Governo è stato quello dei costi dell’operazione, cioè concordare con le banche l’entità degli interessi da pagare per il prestito pensionistico. L’intesa si sarebbe raggiunta con gli istituti bancari che aderiranno all’accordo su un Tan, Tasso nominale annuale, del 2,75%. Si tratterà di un tasso fisso per tutta la durata del prestito, ma il suo livello potrà essere rivisto ogni due tre mesi con riferimento agli andamenti di mercato. Attualmente visto l’andamento di lieve aumento dei tassi, sarebbe molto conveniente accedere all’Anticipo pensionistico prima possibile, per ottenere interessi più vantaggiosi.

LEGGI TUTTO SULLA RIFORMA DELLE PENSIONI!
L’elemento che rimane da definire è quello del costo per il premio assicurativo che potrebbe essere intorno al 29%, come riportato dal quotidiano “Il Sole 24 Ore”, sulla base di alcune slide mostrate dal Governo con un Tan stimato intorno al 2,5%. Inoltre è necessario calcolare anche la commissione al Fondo di garanzia che il Ministero dell’Economia dovrà avviare per coprire i tre rischi legati al finanziamento dell’Ape: mancato pagamento delle rate, morte prematura del beneficiario e fallimento dell’assicurazione.
Anche la modulistica che i lavoratori troveranno online per presentare la domanda di accesso all’Ape volontaria è in via di definizione. I lavoratori attraverso il proprio Spid, identità elettronica, potranno chiedere la certificazione dei requisiti per usufruire dell’Ape, la sottoscrizione del prestito pensionistico assicurato e il via libera sulla commissione di accesso al fondo di garanzia Mef-Inps. Il Governo si pone anche l’obiettivo di siglare subito, dopo l’adozione dei decreti attuativi, le convenzioni con Abi e Ania. Proprio nelle ultime ore il ministro del Lavoro, Giuliano Poletti, è infatti tornato a confermare che l’Ape comincerà a decorrere, come stabilito, a partire dal 1° maggio 2017, quindi senza subire alcuna posticipazione.

In apertura stevepb_ pixabay.com

Seguici sul nostro canale Telegram

Diretta Perù-Colombia

Diretta Ecuador – Colombia dove vedere in tv e sul web gratis Qualificazioni Mondiali 2018

dormire bene

Insonnia, rimedi naturali per dormire bene