in

Pensioni 2017 news: Ape social e Quota 41 al via l’accertamento dell’Inps e i termini per le domande tardive

Pensioni 2017 news: Ape social e Quota 41 al via l’accertamento dell’Inps e i termini per le domande tardive

Dopo la prima scadenza per la presentazione delle domande di accertamento dei requisiti sul diritto di accesso al beneficio dell’Ape social e della Qota 41 per i lavoratori precoci, ora l’Inps provvederà all’istruttoria delle domande presentate, che alla chiusura del 15 luglio ammontano a 39.777 per l’Ape sociale e 26.632 per la pensione anticipata con la Quota 41 per i precoci. Il notevole numero di domande presentate fa ipotizzare la concreta possibilità che non potranno essere tutte accolte e per alcune ci sarà il rinvio della decorrenza del beneficio al prossimo anno.

LEGGI TUTTO SULLA RIFORMA DELLE PENSIONI 2017!

Pensioni 2017 news: Ape social e Quota 41 al via l’accertamento dell’Inps e i termini per le domande tardive

Comunque per l’anno 2017 sono stati stanziati 300milioni di euro per l’Ape sociale e 370 milioni di euro per l’uscita anticipata dei precoci. Se tra le domande presentate, quelle respinte per mancanza dei requisiti o per altre carenze dovessero essere pari o superare il 10% il rischio dello slittamento della decorrenza potrebbe essere scongiurato. Nel caso in cui le risorse stanziate non risultassero sufficienti a soddisfare tutti i lavoratori aventi diritto, l’Istituto di previdenza provvederà a individuare i soggetti esclusi dal pensionamento anticipato, e predisporrà il posticipo della decorrenza del trattamento previdenziale in considerazione della prossimità al raggiungimento dell’età per l’accesso alla pensione di vecchiaia e a parità del requisito della data e dell’ora di presentazione della domanda di accertamento delle condizioni richieste. Dunque, nell’ipotesi di risorse insufficienti verrà definita una platea di esclusi ai quali l’Inps comunicherà il posticipo e la data di decorrenza dell’Ape social o della Quota 41.

Pensioni 2017 news: Ape social e Quota 41 al via l’accertamento dell’Inps e i termini per le domande tardive

Nel frattempo prende il via la seconda fase di presentazione delle domande per tutti coloro che non sono riusciti a presentare la documentazione entro la scadenza del 15 luglio 2017. La possibilità di presentare domande tardive di accesso all’ape social e alla pensione anticipata con la Quota 41 scadrà il 30 novembre 2017. Queste ulteriori istanze saranno valutate solo se ci saranno ancora risorse disponibili, la risposta dell’Inps sull’accoglimento o meno delle domande verrà comunicato entro il 31 dicembre di quest’anno. Nel caso in cui le risorse risultassero esaurite per soddisfare i lavoratori che hanno presentato domanda entro il 15 luglio la data del 30 novembre non avrebbe alcun effetto.

Nata e cresciuta in Sicilia. Studi classici e giuridici, lettrice appassionata di poesie e letteratura. Convinta sostenitrice che esiste una seconda possibilità in ogni campo anche per l'Italia.

esplosione salerno

Marghera, incendio in una palazzina: paura per i residenti

Modello 770/2017 scadenza, proroga ok? Le ultime notizie