in

Pensioni 2017 news: Ape sociale, sì alla retroattività, chiesta la proroga per le domande

Pensioni 2017 news: Ape sociale, sì alla retroattività, chiesta la proroga per le domande

Dal confronto tenutosi ieri tra Governo e sindacati, al Ministero del Lavoro, sul tema delle pensioni emerge un dato molto importante, la misura dell’Anticipo pensionistico nella sua forma social sarà retroattiva, così come chiesto dal Consiglio di Stato nel suo parere di legittimità proprio sui decreti attuativi. Il confronto tecnico che doveva incentrarsi sull’avvio della fase 2 della riforma delle pensioni si è invece bloccato sui ritardi accumulati per l’attuazione delle misure previdenziali approvate con l’ultima legge di Stabilità. Il Governo ha accolto il suggerimento dei giudici di Palazzo Spada diretto a tutelare i diritti acquisiti dei lavoratori interessati, quindi l’Ape social che permette ai disoccupati non beneficiari da almeno tre mesi dell’indennità di disoccupazione, agli addetti a lavori usuranti, ai caregivers e ai lavoratori invalidi al 74%, di usufruire di un prestito pensionistico fino a un massino di 1.500 euro protratto fino al raggiungimento della pensione di vecchiaia, avendo maturato il requisito dei 63 anni di età e 30 di anzianità contribuita.

LEGGI TUTTO SULLA RIFORMA DELLE PENSIONI 2017!

Pensioni 2017 news: Ape sociale, sì alla retroattività, chiesta la proroga per le domande

A margine dell’incontro e in vista del prossimo appuntamento tra Governo e sindacati, Roberto Ghiselli segretario confederale della Cgil, ha spiegato ceh visti i ritardi oltre alla retroattività della misura previdenziale, i sindacati hanno chiesto la proroga di almen0 15 giorni per la presentazione delle domande: “L’approfondimento fatto sui decreti, tenendo conto delle osservazioni del Consiglio di Stato, ha finalmente fatto registrare l’acquisizione della retroattività delle prestazioni dal momento che i lavoratori perfezionano i requisiti, comunque non prima del primo maggio 2017″. Ghiselli ha anche sostenuto: “Inoltre considerando il ritardo nei tempi di attivazione dei decreti, abbiamo valutato positivamente anche l’ipotesi di una proroga di 15 giorni per la presentazione della domanda per il riconoscimento delle condizioni d’accesso alla prestazione (al 15 luglio) e per la redazione delle graduatorie (al 15 ottobre)”.

Pensioni 2017 news: Ape sociale, sì alla retroattività, chiesta la proroga per le domande

Infine l’esponente sindacale della Cgil ha espresso le sue perplessità sull’andamento del confronto: “Complessivamente siamo molto preoccupati rispetto all’andamento del confronto con il Governo. Ci auguriamo che il prossimo appuntamento, previsto per il 10 maggio, possa determinare un cambio di passo”. Ghiselli ha anche dichiarato: “Da un si stenta a chiudere la fase uno, in particolare per quanto concerne l’attivazione dell’Ape sociale e gli interventi per i lavoratori precoci, e dall’altro non si riesce a far decollare la fase due, nella quale ci si dovrebbe concentrare su nodi altrettanto importanti come la pensione per i giovani, la flessibilità in uscita, la differenziazione dell’attesa di vita, il lavoro di cura, la previdenza complementare e la rivalutazione delle pensioni in essere“. Il sindacalista ha anche espresso una forte critica verso le ragioni che spingono il Governo a escludere dall’Ape sociale i lavoratori che: “Non hanno maturato il diritto alla disoccupazione ed eventuali penalizzazioni nei tempi d’accesso ai lavoratori agricoli, e quindi abbiamo invitato il Governo a non procedere in quella direzione“.

Nata e cresciuta in Sicilia. Studi classici e giuridici, lettrice appassionata di poesie e letteratura. Convinta sostenitrice che esiste una seconda possibilità in ogni campo anche per l'Italia.

fermo

Milano incidente stradale, bus tampona camion: coinvolta scolaresca

scissione pd michele emiliano

Michele Emiliano: “Renzi Premier? Ma si dimetta da segretario PD”