in

Pensioni 2017 news: Ape volontario retroattivo e Governo verso l’Ape social per le donne

Pensioni 2017 news: Ape volontario retroattivo e Governo verso l’Ape social per le donne

Il Consiglio di Stato ha espresso il proprio parere favorevole allo schema del decreto attuativo sull’Anticipo pensionistico volontario, che così diventerà esecutivo dopo l’estate. Dell’anticipo finanziario a garanzia pensionistica, il Consiglio di Stato ha condiviso l’obiettivo della norma, ma ha espresso alcune informazioni. Rispetto a una situazione previdenziale rigida determinata dalla riforma Fornero, l’Ape volontario, insieme all’Ape social e alla Quota 41 per una parte dei lavoratori precoci, mira a risolvere alcune situazioni critiche, beneficiando i lavoratori che hanno raggiunto l’età minima dei 63 anni e sono in possesso di almeno 20 anni di contributi. Questi lavoratori possono accedere a un prestito erogato per 12 mensilità annue fino all’effettivo raggiungimento della pensione di vecchiaia. Questo prestito verrà restituito, con rate mensili per un periodo ventennale, a partire dal momento del pensionamento per vecchiaia. Lo stesso prestito è garantito contro il rischio di premorienza da una polizza assicurativa che, “in ultima istanza”, è coperta dallo Stato.

LEGGI TUTTO SULLA RIFORMA DELLE PENSIONI 2017!

Pensioni 2017 news: Ape volontario retroattivo e Governo verso l’Ape social per le donne

Il Consiglio di Stato ha proposto al Governo alcune obiezioni al fine di tutelare maggiormente i lavoratori in possesso dei requisiti, senza limitarne eccessivamente l’ambito di applicazione. In primo luogo i lavoratori interessati potranno chiedere l’applicazione retroattiva del beneficio a partire dal 1° maggio 2017 e così ottenere l’erogazione delle rate arretrate dell’anticipo. Il Consiglio di Stato spinge il Governo a definire al più presto gli Accordi Quadro con il sistema bancario per la piena operatività dell’Ape, in modo tale da definire i dettagli non disciplinati nella legge e nel decreto attuativo come le condizioni del contratto del prestito e della polizza assicurativa oltre che l’informativa del contratto dell’anticipo. Inoltre viene suggerito di attivare altre forme di assistenza per i lavoratori interessati sotto l’aspetto della comunicazione, informazione e orientamento, con sportelli dell’Inps e numeri verdi, insieme a strumenti di “mediazione e di conciliazione” per prevenire e risolvere eventuali contenziosi, distinguendo con precisione le dichiarazioni o attestazioni di diretta responsabilità dei lavoratori richiedenti da quelle, invece, ricadenti in carico all’Inps.

Pensioni 2017 news: Ape volontario retroattivo e Governo verso l’Ape social per le donne

Invece per quanto riguarda l’Ape social, dopo il notevole riscontro delle tantissime domande presentate, si pone il problema di rendere la misura strutturale con alcune modifiche per ampliare la platea degli aventi diritto e differenziando i requisiti contributivi di accesso delle donne lavoratrici, alle quali verrebbe riconosciuto uno sconto contributivo di tre anni, abbassando per loro, le soglie di accesso alla pensione da 30 anni a 27 e da 36 a 33. In questa forma di Ape social rivolta alle donne verrebbe inserito anche il riconoscimento di un bonus contributivo riferito ai periodi di maternità o di cura di familiari disabili.

Foto in apertura pixabay.com stevepb

 

Seguici sul nostro canale Telegram

Chef Rubio attacca Belen Rodriguez su Instagram: “Le tue foto sono già poesia, ma…”

ultime notizie chiomonte

No Tav proteste: bombe carta nella notte contro cantiere Torino-Lione