in

Pensioni 2017 news: età pensionabile, decisioni del Governo e reazioni dei sindacati

Pensioni 2017 news: età pensionabile, decisioni del Governo e reazioni dei sindacati

Si è concluso il nuovo incontro tra Governo e sindacati sulla riforma delle pensioni. Al termine della riunione, durata circa 2 ore e mezzo a Palazzo Chigi, il cui esito era molto atteso dai lavoratori, il ministro dell’Economia, Pier Carlo Padoan, ha dichiarato: “Ci siamo incontrati sul tema della legge di Bilancio. Sulla questione specifica dell’età pensionabile il principio dell’adeguamento resta assolutamente conferma”. Sulla questione specifica dell’aumento dell’età pensionabile, Padoan ha spiegato: ”Abbiamo stabilito un tavolo, che avrà aspetti tecnici e politici, che riguarderà la possibilità di estendere le categorie assoggettate ai lavori gravosi per vedere di staccarle dal meccanismo di aumento automatico”.

LEGGI TUTTO SULLA RIFORMA DELLE PENSIONI 2017!

Pensioni 2017 news: età pensionabile, decisioni del Governo e reazioni dei sindacati

Dunque resta sospesa la possibilità di congelate l’aumento dell’età per accedere alla pensione per i lavoratori che sono addetti a mansioni gravose, mentre per gli altri lavoratori resta confermato l’aumento a 67 anni a partire dal 2019. Le categorie al momento escluse dall’aumento potrebbero essere le 11 categorie riconosciute beneficiarie dell’Ape social. Così il Governo, presente alla riunione con il ministro del Lavoro, Giuliano Poletti e della Pubblica Amministrazione, Marianna Madia ha ritenuto di rispondere alle forti e molteplici sollecitazioni delle parti sociali sulla questione. Il ministro dell’Economia ha anche aggiunto: “Nella riunione molti punti della legge di bilancio sono stati apprezzati dai sindacati in linea con le richieste fatte da tempo. I temi della crescita, occupazione dei giovani e inclusione sociali sono i pilastri”.

Pensioni 2017 news: età pensionabile, decisioni del Governo e reazioni dei sindacati

Susanna Camusso, leader della Cgil, presente all’incontro accanto ad Annamaria Furlan e Carmelo Barbagallo, rispettivamente segretari generali della Cisl e della Uil, in vista del nuovo tavolo di verifica sulla questione, fissato per il 13 novembre prossimo, ha commentato: “Verificheremo se davvero c’è la disponibilità a cambiare i meccanismi dell’età pensionabile e a differenziare i lavori, oppure se non c’è. Il dibattito è molto concentrato sul tema del rinvio e della sospensione, mentre per noi è su come cambiare il meccanismo dell’aspettativa di vita, che è un meccanismo ingiusto”. Mentre Annamaria Furlan ha dichiarato: “Credo sia positivo che ci siamo dati tempi molto stringenti, la nostra richiesta è stata accolta dal Governo con circa una decina di giorni di tempo che possono bastare per fare un lavoro importante. In questo tavolo tecnico, che diventa di verifica politica il 13, riprendiamo le fila anche sulla pensione dignitosa per i giovani, il lavoro di cura, la previdenza complementare”. Al termine della seduta a Palazzo Chigi, Carmelo Barbagallo ha aggiunto: “È positivo che continui la discussione, perché ci siamo dati appuntamento ad una serie di tavoli tecnici, a partire da lunedì prossimo, per arrivare il 13 a fare una verifica. Padoan ha messo dei paletti che per noi sono tutti da verificare”. Intanto al Senato sono stati presentati in Commissione emendamenti provenienti da forze politiche trasversali per rinviare il decreto che porterebbe all’aumento dell’età pensionabile a 67 anni come conseguenza dell’adeguamento automatico all’aspettativa di vita.

FOTO IN APERTURA: PIXABAY.COM MIKEGI

Nata e cresciuta in Sicilia. Studi classici e giuridici, lettrice appassionata di poesie e letteratura. Convinta sostenitrice che esiste una seconda possibilità in ogni campo anche per l'Italia.

Isola dei Famosi 2018 cast: naufraga anche Francesco Monte

terremoto galles meridionale

Terremoto oggi nel Reatino: scossa magnitudo 3.7 a Cittareale