in

Pensioni 2017 news: Ape social firmato il decreto attuativo, ecco platee, cumulo e scadenze

Pensioni 2017 news: firmato il decreto attuativo, ecco platee, cumulo e scadenze

II presidente del Consiglio, Paolo Gentiloni, ha firmato l’atteso decreto attuativo per l’accesso all’Ape sociale. La firma è stata annunciata su Twitter dallo stesso premier: “Firmati decreti anticipo pensionistico, #apesocial #apeprecoci, operativo meccanismo di anticipo pensione per decine di migliaia di personeI lavoratori che maturano i requisiti necessari entro il 2018 potranno presentare la domanda di accesso alla misura entro il 31 marzo 2018″. Nella norma infatti viene definito che: “Le domande presentate oltre il 15 luglio 2017 e il 31 marzo 2018 e comunque non oltre il 30 novembre sono prese in considerazione esclusivamente se all’esito del monitoraggio residuano le necessarie risorse finanziarie”. Così l’atteso testo, dopo avere superato i controlli del consiglio di Stato e della Corte dei Conti, potrà essere finalmente pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale.

LEGGI TUTTO SULLA RIFORMA DELLE PENSIONI 2017!

Pensioni 2017 news: firmato il decreto attuativo, ecco platee, cumulo e scadenze

La proroga per le presentazioni delle domande fino al 15 luglio 2017 è stata decisa dai tecnici del Governo, in modo tale da poter accogliere le correzioni suggerite da Consiglio di Stato al regolamento attuativo della nuova indennità erogata dall’Inps, con i costi a carico dello Stato, a favore dei lavoratori disoccupati che abbiano compiuto 63 anni di età e 30 anni di contributi, 36 se precoci. I lavoratori che hanno maturato i requisiti, con effetto retroattivo all’1 maggio 2017, potranno usufruire di un trattamento fino a 1.500 euro lordi mensili. Per quanto riguarda la platea dei beneficiari non è stata ampliata, come richiesto dalle parti sociali e direttamente dagli stessi lavoratori: potranno fare richiesta di accesso all’Ape sociale i lavoratori in stato di disoccupazione che non siano più tutelati da ammortizzatori sociali da almeno tre mesi, mentre rimarrebbero esclusi gli sporadici casi di lavoratori licenziati da contratti a tempo determinato con meno di 13 settimane di durata.

Pensioni 2017 news: firmato il decreto attuativo, ecco platee, cumulo e scadenze

Nel testo del regolamento, in coerenza col fatto che non si tratta di un trattamento previdenziale, è stato confermato il divieto di cumulo tra l’assegno dell’Ape sociale e altri redditi da lavoro che oscillano tra i 4.800 euro e gli 8mila euro annui. Vista la proroga del termine per la presentazione delle domande, slitta anche la data per le risposte di accoglimento, prevista per il 15 ottobre 2017 con l’impegno assunto dal ministro del Lavoro, Giuliano Poletti, durante un recente Question time in Parlamento di retrodatare al primo maggio la data di inizio dell’erogazione della prestazione, naturalmente in costanza dei requisiti necessari del richiedente. Relativamente all’attuazione dell’Ape volontaria, che come per quella sociale non è stato rispettato il termine del primo marzo, il decreto sarebbe in arrivo presso il Consiglio di Stato. Anche per l’Ape volontaria ci dovrebbero essere tempi tecnici stretti, presumibilmente la pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale dovrebbe avvenire in simultanea con la chiusura degli accordi con Abi e Ania sui criteri di attivazione dei prestiti bancari, garantiti dalle assicurazioni.

Attentato Manchester news, rabbia e cordoglio dei VIP italiani su Instagram: da Laura Pausini a Fedez (FOTO)

dubai allarme bomba su volo virgin

Dubai: allarme bomba su volo Virgin diretto a Londra, l’aereo è stato evacuato