in

Pensioni 2017 news: lavori usuranti e gravosi Inps, benefici e scadenze per le domande

Pensioni 2017 news: lavori usuranti benefici Inps

 

La legge di Bilancio 2017 prevede che i lavoratori che hanno svolto attività professionali usuranti abbiano riconosciuta la possibilità di andare in pensione con le regole e i requisiti antecedenti a quelle adottate con la Legge Fornero, cioè attraverso il sistema delle quote. Gli usuranti, infatti, possono andare in pensione a decorrere dal 1° gennaio 2016, con la cosiddetta Quota 97,6 , ovvero con un’anzianità contributiva di 35 anni e un’età minima di 61 anni e 7 mesi, senza bisogno di aspettare l’apertura della finestra mobile che finora andava dai 12 ai 18 mesi, così da poter andare in pensione con un anno di anticipo rispetto alle regole vigenti fino al 31 dicembre 2016. Dal 2019 fino al 31 dicembre 2027, l’età anagrafica per andare in pensione non sarà più adeguata automaticamente all’aspettativa di vita, quindi i requisiti anagrafici resteranno bloccati per i prossimi 10 anni.

LEGGI TUTTO SULLA RIFORMA DELLE PENSIONI 2017!

Pensioni 2017 news: lavori usuranti, gravosi e Ape

 

Con la riforma delle pensioni approvata con la nuova manovra finanziaria i lavoratori addetti a mansioni usuranti hanno altresì la possibilità di accedere all’Anticipo pensionistico cosiddetto sociale cioè con i costi a carico dello Stato. Se questi lavoratori sono impegnati in alcune tipologie di lavoro considerate particolarmente rischiose e gravose da almeno sei anni in via continuativa e inoltre hanno raggiunto un’anzianità contributiva di almeno 36 anni.

Pensioni 2017 news: lavori gravosi definite dall’Inps

Le categorie di lavoro considerate gravose sono state suddivise dall’Inps in 11 categorie, l’istituto di previdenza ha distinto tra lavori gravosi e usuranti, spiegando che le due misure avranno agevolazioni pensionistiche diverse, in virtù delle nuova riforma approvata e ha reso noto l’elenco delle tipologie di lavoro che rientrano in quelle considerate gravose, che potranno usufruire di alcuni benefici, in presenza dei requisiti, per accedere all’Ape sociale. Esse sono suddivise in 11 categorie:
> operai edili e dell’industria estrattiva
> maestre di asilo o asilo nido
> conciatori di pelli
> autisti di mezzi pesanti
> gruisti e conduttori di mezzi da cantiere
> macchinisti ferro tranvieri
> operatori ecologici e addetti ai rifiuti
> facchini
> addetti alle pulizie
> infermieri ed ostetriche che lavorano in turni
> personale per assistenza a soggetti non autosufficienti.
L’Inps deve pubblicare la circolare illustrativa sulle modalità di applicazione della nuova normativa, ma già i lavoratori che ritengono di possedere i requisiti nell’anno 2017 possono presentare la domanda per l’accertamento di lavoro usurante o gravoso entro il primo marzo dello stesso 2017. Mentre coloro che maturano i requisiti entro il prossimo 2018 potranno presentare la domanda entro il 1° maggio 2017.

Il Segreto anticipazioni spagnole: la drastica scelta di Candela e Severo

DirettaNizza-Napoli dove vedere in tv e streaming

Real Madrid 3-1 Napoli risultato finale: highlights e video gol