in

Pensioni 2017 news: Opzione Donna, lettera aperta alle mogli dei politici per la proroga

Pensioni 2017 news: Opzione Donna, lettera aperta alle mogli dei politici per la proroga

Le lavoratrici rimaste fuori dalla limitata proroga di Opzione Donna, il regime previdenziale che permette di lasciare il lavoro a 57 anni con 35 di contributi, ma accettando in cambio il più penalizzante calcolo dell’assegno pensionistico con il metodo integralmente contributivo, hanno intrapreso una battaglia sociale e culturale per chiedere l’estensione di un regime previdenziale specifico per le donne che riconoscano la particolare realtà del loro impegno congiuntamente lavorativo e familiare. Molte sono le donne lavoratrici che si sono organizzate in vari gruppi sui social per dare visibilità alle loro richieste, attraverso tante interessanti e originali iniziative.

LEGGI TUTTO SULLA RIFORMA DELLE PENSIONI 2017!

Pensioni 2017 news: Opzione Donna, lettera aperta alle mogli dei politici per la proroga

Una di queste è stata lanciata dal gruppo social Movimento Opzione Donna che ha pubblicato sulla propria pagina Facebook una lettera aperta alle mogli e alle compagne dei politici perché sostengano la prosecuzione di “Opzione Donna”. in questo post le amministratrici del gruppo invitano tutte le iscritte e gli iscritti: “A dare la massima divulgazione tramite twitt, Facebook, testate di giornali regionali, sezioni di partiti politici, sedi di sindacati ecc.”. Le donne si rivolgono alle compagne dei politici perché sensibilizzino i loro mariti e scrivono che: “Siamo mamme, mogli, nonne che hanno lavorato per più di 35 anni in casa e fuori casa e che ora si vedono negato ogni riconoscimento del lavoro svolto per decenni, gratuitamente, al posto dello Stato e per lo Stato .
Per la nostra generazione non ci sono stati bonus bebè né agevolazioni di nessun tipo , abbiamo portato sulle spalle il peso della famiglia, dei figli, dei genitori anziani o malati.
Ci siamo divise in quattro per essere buone mogli , buone madri e brave lavoratrici e adesso, che dopo 35 anni di contributi versati vorremmo uscire dal mondo del lavoro rinunciando ad una bella fetta della nostra pensione pur di poterci dedicare a chi ha ancora bisogno di noi e un po’, finalmente, anche a noi stesse, adesso ci vediamo chiudere in faccia quella porta verso la libertà attraverso la quale altre migliaia di donne sono potute passare , la porta di Opzione Donna”.

Pensioni 2017 news: Opzione Donna, lettera aperta alle mogli dei politici per la proroga

Le donne del Movimento Opzione Donna pensano che: “Gli uomini non si rendono nemmeno conto talvolta , di quanto sia importante il ruolo della donna come pilastro della società civile , non è un luogo comune , purtroppo è la verità: l’empatia è una caratteristica tutta femminile”. Perciò chiedono ad altre donne “importanti” di raccontare ai politici con cui condividono la vita quotidiana: “Come possa essere stata una vita intera in equilibrio fra casa e lavoro , come possa essere stato faticoso per la nostra generazione ( che non ha conosciuto il ruolo collaborativo dell’uomo nei compiti familiari , se non in minima parte) essere mamma, moglie, colf, badante, infermiera , maestra e mille altre cose ancora per uno stipendio spesso da fame” E ancora: “Di spiegare a chi non ci ha voluto ascoltare né rispondere , che non vogliamo null’altro che il rispetto della legge 243 e l’uso dei fondi residui , che abbiamo dimostrato esserci, per prorogare nel tempo anche per noi la possibilità di varcare quella porta.
La politica non è quella brutta cosa che i populismi di oggi vogliono farci credere, la politica può essere bellissima se è riconoscimento di diritti , lotta alle ingiustizie, aiuto ai più deboli”.

Seguici sul nostro canale Telegram

Facebook, penalizzazioni per chi condivide troppo

Facebook, penalizzazioni per chi condivide troppe fake news

Paolo Villaggio è morto: l’omaggio a Fantozzi sulle reti Mediaset stasera in TV