in

Pensioni 2017 news: Opzione Donna, Maurizio Sacconi sostiene la proroga

Pensioni 2017 news: Opzione Donna, Maurizio Sacconi sostiene la proroga

Il presidente della Commissione Lavoro del Senato, Maurizio Sacconi, esponente del movimento Energie per l’Italia, continua a essere uno dei protagonisti più impegnati sui temi del Welfare e della previdenza. Nel blog dell’Associazione amici di Marco Biagi è tornato a scrivere di pensioni, sottolineando che:
“Le notizie relative al decreto che dovrebbe allungare l’età di pensione in relazione all’incremento dell’aspettativa di vita ripropone la necessità di una riflessione sulle rigidità della riforma Fornero che ha sommato la base anagrafica più elevata nei Paesi industrializzati con la dinamica collegata all’invecchiamento. Sarebbe opportuno sterilizzare questo ulteriore innalzamento in una fase transitoria o quantomeno tutelare la componente femminile riproponendo il programma “opzione donna”. Più in generale sarebbe utile incentivare maggiormente le forme di sostegno dei datori di lavoro nelle fasi di attesa della prestazione pensionistica”.

LEGGI TUTTO SULLA RIFORMA DELLE PENSIONI 2017!

Pensioni 2017 news: Opzione Donna, Maurizio Sacconi sostiene la proroga

Il tema della specificità del lavoro femminile e la richiesta di benefici previdenziali a partire dalla proroga di Opzione Donna, trova, perciò, un consenso ampio e trasversale da parte del mondo della politica. Ecco perché moltissime lavoratrici organizzate nei gruppi social non demordono e continuano a tenere alta l’attenzione sulla richiesta di proroga di Opzione Donna al 2018 e aspettano dal Governo una risposta concreta alle loro legittime aspettative.

Pensioni 2017 news: Opzione Donna, Maurizio Sacconi sostiene la proroga

Il confronto sulla proroga di Opzione Donna dovrebbe ormai tenersi nella cosiddetta fase 2 della riforma delle pensioni. Nel frattempo le lavoratrici sono sempre più impegnate nella campagna di sensibilizzazione sulla loro vertenza che non si limita a porre l’attenzione sul lavoro di cura che sono chiamate a svolgere all’interno delle loro famiglie, ma anche sul fatto che il regime previdenziale di Opzione Donna, nel lungo periodo, non ha costi per lo Stato in quanto si basa sul calcolo esclusivamente contributivo dell’assegno pensionistico e quindi presenta profili di economicità che dovrebbero convincere il legislatore a dare la facoltà alle donne di poter scegliere una pensione più bassa, calcolata sui contributi versati.

Nata e cresciuta in Sicilia. Studi classici e giuridici, lettrice appassionata di poesie e letteratura. Convinta sostenitrice che esiste una seconda possibilità in ogni campo anche per l'Italia.

MacGyver on CBS facebook

Programmi tv 20 Giugno 2017: Con il sole negli occhi, MacGyver, Survivor, The Interpreter e Volver

Calciomercato Juventus Douglas Costa

Calciomercato Juventus ultimissime, è fatta per Douglas Costa: ecco le cifre dell’affare