in

Pensioni 2017 news: Ottava salvaguardia Inps conviene più dell’Ape, ecco perchè

Pensioni 2017 news: Ottava salvaguardia oggi per 30.700 esodati

Il Parlamento ha adottato la misura dell’ottava salvaguardia con la legge di Bilancio 2017. Per circa 30.700 lavoratori esodati è stata approvata la possibilità di accedere alla pensione con i requisiti antecedenti alla Legge Fornero. Anche se una parte di questi lavoratori rimasti esodati avrebbero potuto ottenere la possibilità di accedere volontariamente all’Anticipo pensionistico, in quanto le due misure possono riferirsi a platee di lavoratori in taluni casi coincidenti. In presenza dei requisiti necessari, per i lavoratori è certamente più conveniente usufruire dell’ottava salvaguardia, in quanto questi potranno andare in pensione con i requisiti necessari prima dell’entrata in vigore della legge Fornero, con decorrenza dell’assegno dal 1° gennaio 2017 e senza riduzione dell’assegno, mentre coloro che accederanno alla pensione attraverso l’Ape sociale, dovranno aver maturato requisiti diversi e avranno diritto a un assegno mensile massimo di 1.500 euro al mese fino al compimento dei requisiti normali di pensionamento. Quindi i lavoratori che avrebbero diritto a una pensione superiore a 1.500 euro vedrebbero tagliata la parte eccedente e inoltre avranno diritto a 12 mensilità anziché a 13 come normalmente avviene per i trattamenti pensionistici.

LEGGI TUTTO SULLA RIFORMA DELLE PENSIONI 2017!

Pensioni 2017 news: Ape chi spetta?

L’Ape volontario è invece un prestito bancario di 12 rate mensili garantito dalla pensione di vecchiaia che i lavoratori otterranno alla maturazione del diritto all’effettivo pensionamento. Potranno usufruire di questo Anticipo pensionistico sia pensionandi del settore pubblico che di quello privato, lavoratori autonomi e iscritti in gestioni separate, mentre non potranno beneficarne i liberi professionisti iscritti alle Casse professionali. Per usufruire del prestito pensionistico sono necessari i seguenti requisiti:

> 63 anni di età compiuti e 20 di contributi versati;
> raggiungere il diritto alla pensione di vecchiaia entro 3 anni e 7 mesi;
> importo della corrispondente pensione almeno 1,4 volte superiore ai 700 euro del trattamento minimo attualmente previsto;
> non essere titolare di pensione diretta o di assegno ordinario di invalidità.

Pensioni 2017 news: Ottava salvaguardia a chi spetta?

La misura dell’ottava salvaguardia riguarda i lavoratori che prima dell’adozione della legge Fornero del 2011 erano rimasti disoccupati o interessati da accordi che comportavano la cessazione del rapporto di lavoro entro alcuni anni. Perciò non si tratta di una misura previdenziale generale, ma specifica per alcuni lavoratori rimasti senza reddito da lavoro né da pensione. Nello specifico si tratta di:

1) Lavoratori in mobilità o trattamento speciale edile; 2) Lavoratori autorizzati ai versamenti volontari; 3) Lavoratori autorizzati ai versamenti volontari senza versamenti (accreditati o accreditabili) al 6/12/2011; 4) Lavoratori cessati entro il 30/06/2012; 5) Lavoratori cessati dopo il 30/06/2012; 6) Lavoratori cessati per risoluzione unilaterale; 7) Lavoratori in congedo nel 2011 ai sensi dell’articolo 42, co. 5 del Dlgs 151/2001,per assistere figli con disabilità; 8) Lavoratori con contratto a tempo determinato e lavoratori in somministrazione cessati tra il 1 gennaio 2007 e il 31 dicembre 2011. Se non vorranno perdere questo beneficio, coloro che si trovano in possesso dei requisiti necessari all’accesso all’ottava salvaguardia, entro e non oltre il 2 marzo 2017 devono presentare all’Inps o alle Direzioni Territoriali del Lavoro.

Nata e cresciuta in Sicilia. Studi classici e giuridici, lettrice appassionata di poesie e letteratura. Convinta sostenitrice che esiste una seconda possibilità in ogni campo anche per l'Italia.

sosia giuliano sangiorgi twitter

Giuliano Sangiorgi età, altezza, peso, compagna e canzoni: le chicche sul front-man dei Negramaro (FOTO)

Marco Masini età: il ritorno al Festival di Sanremo e la vita privata