in

Pensioni 2017 news: precoci e avvio fase “2” della riforma, nuove speranze dopo l’incontro con Giuliano Poletti?

Non si placa la lotta dei lavoratori precoci, uniti nel chiedere il riconoscimento della quota 41 per tutti (“senza se e senza ma”) e ancora più agguerriti dopo che la Legge di Stabilità ha escluso dal pensionamento anticipato buona parte di essi.

Dell’avvio delle “fase 2” della riforma si vocifera da un po’, e con maggiore insistenza da quando la guida della riforma previdenziale è passata nelle mani del nuovo consigliere economico di Palazzo Chigi Marco Leonardi, che proprio recentemente aveva diffuso alcuni chiarimenti in merito all’anticipo pensionistico e agli intenti del Governo. Anticipazione che trova conferma nelle indiscrezioni delle ultime ore, secondo cui presto si terrà un nuovo confronto con i sindacati che suggellerebbe, appunto, l’avvio di una rinnovata discussione sull’aspettativa di vita e sul metodo contributivo.

LEGGI TUTTO SULLA RIFORMA DELLE PENSIONI 2017!

Intanto crescono le speranze dei lavoratori precoci, dopo che proprio ieri due di loro sono stati chiamati a incontrare il Ministro del Lavoro Giuliano Poletti. Che cosa aspettarsi, pur escludendo una nuova riforma delle pensioni? Alcune anticipazioni sono trapelate dal video diffuso online dal gruppo Facebook “Lavoratori precoci uniti a tutela dei loro diritti”: la prima conferma è che il ministro si è espresso a favore del ricambio generazionale (prospettiva economicamente vantaggiosa anche per il mondo aziendale, che pagherebbe un giovane al posto di una persona con molta anzianità).

In apertura: foto tratta dalla pagina Facebook “Lavoratori precoci uniti a tutela dei loro diritti”

Trump Clima

Trump News, Corte d’Appello boccia il Travel Ban: la reazione del Presidente Usa

morto don antonio polese

Il Boss delle Cerimonie 5 quando inizia: ecco quando va in onda il ritorno di Don Antonio Polese