in

Perchè assumere acido folico in gravidanza

L‘acido folico, conosciuto anche come vitamina M o vitamina B9 o folacina, è una vitamina idrosolubile del gruppo B ed è l’unica forma attiva (sintetica) dei folati alimentari assorbita dal corpo umano. Come tutte le vitamine del gruppo B, è  indispensabile per la sintesi di molecole fondamentali come DNA, RNA e proteine. Il suo ruolo è alla base della costruzione, sviluppo e crescita di nuove cellule e della riproduzione dei globuli rossi ( utile per prevenire forme di anemia sia nel bambino, sia nell’adulto).

large_4480552240

L’assunzione di acido folico in gravidanza almeno 0,4 mg al giorno per i primi tre mesi, riduce di almeno il 50% il rischio di malformazioni neonatali congenite tipo la spina bifida, l’anencefalia (assenza parziale o totale della volta cranica o encefalo nel feto), malattie cardiache, labbro leporino, malformazioni del cranio dovuti a difetti di chiusura del tubo neurale.

Inoltre un recente studio condotto da un gruppo di ricercatori della University of California Davis School of Medicine e pubblicata sull’American Journal of Clinical Nutrition ha dimostrato che l’assunzione di 779 microgrammi al giorno di acido folico nei primi mesi di gestazione (più precisamente quattro settimane prima della gravidanza a otto settimane dopo il concepimento) riduce del 40% il rischio di partorire bambini che sviluppino autismo (grave disturbo che colpisce l’adeguato sviluppo del linguaggio, del comportamento e delle interazioni sociali).

(photo credit: Jeffrey Beall via photopin cc;photo credit: Gates Foundation via photopin cc)

E’ Francesco il nome del nuovo Papa

Perché il Papa ha scelto il nome Francesco