in

“Pet Theraphy”, storie di uomini e animali: convegno a Mendatica (Liguria) il 6 e 7 dicembre

Nel weekend del 6 e 7 dicembre, nella sala multimediale del comune di Mendatica in Valle Arroscia, nel cuore delle montagne liguri, si parlerà di “Pet Therapy”, di animali, quindi, e del loro effetto benefico sulla vita dell’uomo. Si darà largo spazio a storie di legami uomo-animale, esperienze di vita che vedono incrociarsi il mondo animale con quello della natura e dell’uomo.il lupo

Sarà affrontato il delicato tema delle specie animali in via di estinzione e della necessità di una loro tutela e salvaguardia, anzitutto attraverso il rispetto e la cura dell’ambiente e del loro habitat naturale. Protagonisti indiscussi i cani e gatti, gli animali domestici  per antonomasia, ma anche asini, cavalli e – vista la location de convegno – anche il lupo. Non certo animale mansueto da accarezzare accanto al fuoco, ma specie da tutelare e salvaguardare, senza danni agli allevamenti e all’agricoltura.

Gli animali domestici sono fondamentali nella lotta contro la disabilità e per favorire il benessere della persona in situazioni di disagio, con l’aiuto quasi sempre  di una figura femminile”, spiegano le organizzatrici Valeria Maione e  Laura Amoretti, Consigliere Regionali di Parità della Provincia di Imperia. Saranno due giorni dedicati ad attività ludico-ricreative rivolte agli studenti dei Licei delle Scienze Umane di Sanremo ed Imperia, volte a far conoscere il significato e la pratica della “pet therapy”; ad interventi dei rappresentanti di diverse associazioni e del Dipartimento di salute mentale e delle dipendenze dell’ Asl 1 Imperiese, che presenterà una esperienza di attività riabilitativa di ‘montagna terapia’, con pazienti psichiatrici. E ancora, spazio alla mostra “Io amo il lupo” dell’artista siciliana Caterina Marceca, in arte Katjma, appassionata del rapporto uomo-animale.

Mario Goetze

Top 20: i giocatori più forti del futuro secondo FIFA 14

Roberta Ragusa Omicidio

Chi l’ha visto? anticipazioni: Roberta Ragusa e le vittime dello stupratore seriale