in ,

Piacere a letto: 6 miti da sfatare, dalle misure del pene al punto G

Piacere a letto, sesso, piacere femminile, in qualsiasi modo lo si chiami, rimane sempre un argomento denso di miti, leggende e stereotipi. I cliché continuano a circolare e sono sempre molto diffusi; c’è chi ancora non è abbastanza informato su cosa sia vero e cosa sia falso. Ecco i 6 miti da sfatare secondo l’educatrice sessuale Debby Herbenick, riportati dal sito Dagospia.

La misura del pene: secondo il pensiero comune, la lunghezza media dell’organo maschile sarebbe superiore ai 15 centimetri. Nella realtà, invece, l’erezione ha una lunghezza media di 14,14 centimetri, mentre un uomo su quattro ha un pene della lunghezza di 13,7 centimetri o anche più corto.

Quando si interrompe il periodo della pillola, non bisogna fare sesso: come spiega Debby Herbenick, invece, la pillola è efficace anche durante il periodo di interruzione poiché previene l’ovulazione.

Malattie sessualmente trasmissibili: secondo l’esperta, bisogna mantenere alta l’attenzione e il controllo anche quando si ha una relazione stabile con lo stesso partner. Il preservativo rimane sempre la migliore forma di prevenzione.

Rapporti anali: anche se il numero di persona che lo pratica è in aumento, non vi è una vera e propria regolarità nel farlo. Secondo i dati, solo il 12 per cento della popolazione americana lo ha praticato almeno una volta in un anno, mentre un americano su tre lo ha fatto almeno una volta nella vita. Nella maggioranza dei casi si tratta di soggetti gay o bisessuali.

Il punto G: non si tratta, come molti pensano, di una specie di ‘bottone magico’ che, se premuto, fa esplodere la donna in un milione di orgasmi. È una zona posta nella parte anteriore della vagina: se stimolata in modo corretto, può portare piacere alla partner.

Se la donna non raggiungere l’orgasmo, qualcosa non funziona: anche questo è un mito. Le donne, in percentuale, cominciano a masturbarsi in età più avanzata e quindi impiegano più tempo a esplorare il loro corpo. Il partner può aiutare questo percorso e rilassare la compagna, prima di passare all’azione.

La Bella e La Bestia Film, un cinema non proietterà il live-action: colpa di un personaggio omosessuale

Una lettera d’amore da brividi, Amy Krouse Rosenthal, malata terminale: “Chi sposa mio marito?”