in

Piangere fa bene alla mente e al corpo, trattenersi fa male alla salute

Il pianto, soprattutto negli adulti, non è segno di debolezza o di immaturità come alcuni sono portati a pensare, bensì è un potente strumento di cui il nostro organismo si serve per aiutarci a mantenere il benessere psicofisico. Attraverso questa reazione fisiologica, infatti, eliminiamo le tossine accumulate a causa dello stress e la dose eccessiva di alcuni ormoni.

La Recovery Theory (o teoria della guarigione) di William Frey, un biochimico statunitense, ha dimostrato che il pianto emozionale, cioè quello legato al dolore emotivo o a commozione, apporta benefici generalizzati a tutto l’organismo. Infatti, questo tipo di sfogo ci permette di recuperare le energie perse a causa di forti tensioni e provoca il rilassamento del corpo attraverso la produzione di enkfalina, un anestetizzante naturale che allevia il dolore distendendo e calmando i muscoli. Le lacrime di questo tipo, inoltre, contengono prolattina e corticotropina, due ormoni prodotti dal cervello il cui livello si alza nei momenti di stress, che vengono quindi eliminati attraverso il pianto. Anche l’eccesso di manganese viene espulso in questo modo, una sostanza prodotta in quantità eccessiva nel cervello di chi soffre di depressione, ansia o irritabilità.

Piangere fa bene anche a livello somatico, evitando la disidratazione delle membrane mucose degli occhi mantenendole lubrificate e quindi favorendo una buona vista. Lo stato di rilassamento raggiunto dopo lo sfogo ci porta anche a riequilibrare la nostra respirazione, e questo favorisce un flusso sanguigno distribuito in modo corretto. Al contrario, se ci si sforza per trattenersi dal piangere si può incorrere in disagi più o meno gravi. Per prima cosa lo stress accumulato può portarci ad assumere posizioni scorrette, aumentando il rischio di disturbi vertebrali e cervicali. Questo può arrivare a provocare problemi intestinali come gastriti e nausee, come anche problemi respiratori e circolatori. Infine, trattenere le tossine in eccesso e gli ormoni negativi provocati dallo stess o dal dolore emotivo può aumentare il rischio di infarti o di danni al cervello.

Photo Credit: Chepko Danil Vitalevich/Shutterstock

Un Posto al Sole anticipazioni settimanali

Un Posto al Sole anticipazioni settimanali dal 28 Settembre al 2 Ottobre 2015: duro scontro fra Andrea e Arianna

Consonni Mondiali Ciclismo Richmond

Ciclismo, Mondiale Richmond Under 23: Simone Consonni è argento