in

Piazzapulita: Silvio Berlusconi nel faccia a faccia con Corrado Formigli (Video)

Silvio Berlusconi nel corso dell’intervista rilasciata a Corrado Formigli per la puntata di ieri sera di “Piazzapulita”, ha parlato dei suoi attriti con i tedeschi e, in particolare con Martin Schultz, candidato alla presidenza della Commissione Ue per il Partito dei socialisti europei. Poi è passato a parlare del Jobs Act  di Matteo Renzi che è peggiorato, in Parlamento, e ora è diventato Cgil Act  perché sono state introdotte le norme volute dai sindacati. Ha pure ricordato di aver rifiutato un prestito di 60 miliardi di euro da parte dell’Fmi all’Italia perché sarebbe stato come “colonizzare il nostro Paese”. Ha pure detto che è necessario cambiare la politica monetaria europea partendo da una diversa visione della BCE che in origine era partita come una missione atta a combattere l’inflazione e non quella di garantire i debiti pubblici dei Paesi. Piazzapulita2

Formigli gli ha ricordato che ha negoziato il Fiscal Compact e il suo partito l’ha votato ma Berlusconi ha detto che lo ha osteggiato ponendo il veto nel Consiglio dei Capi di Stato e di Governo.  Quando è stato votato c’era già stato il “Colpo di Stato” che lo aveva reso inattivo e i suoi parlamentari lo avevano votato per non far cadere il Governo Monti, quindi per un senso di responsabilità. I tempi sono cambiati, si è in recessione e in Europa serve una moratoria di qualche anno sul Fiscal Compact o la sua abrogazione.

Il conduttore si è fatto spiegare da Berlusconi cosa intende quando parla di “tre colpi di Stato” e lui ha detto che il primo è stato nel ‘92-‘93 quando vennero aboliti i cinque partiti che avevano governato l’Italia fino allora, il secondo nel ‘94 quando è arrivato l’avvio di garanzia, sette mesi dopo aver vinto le elezioni e Scalfaro chiamò Bossi per togliergli la fiducia e l’ultimo nel 2013 con i processi che lo rendono “incandidabile. Sull’Italicum Berlusconi ha proseguito dicendo che è indispensabile una nuova legge elettorale e l’ideale, secondo lui, sarebbe un sistema come quello americano con due grandi forze politiche. Su Renzi ha detto che non lo considera imbattibile e Beppe Grillo invece lo considera un pericolo per il Paese.  Ha pure smentito che alla guida del centro-destra possa esserci un altro Berlusconi e che la fidanzata sia incinta. Ha parlato dell’amico Marcello Dell’Utri che è una degnissima persona e che Forza Italia, alle Elezioni Europee, prenderà più del 25%.

 

 

 

 

http://youtu.be/RQHKXeQKZNk

Ballarò facebook1

Anticipazioni Ballarò 29 aprile: “Chi insegue chi?” la campagna delle tante promesse del Governo Renzi, Grillo e Berlusconi

Serie A, Verona: pronto un rinnovo biennale per Toni