in ,

Pier Paolo Pasolini: morto Pino Pelosi, l’uomo condannato in via definitiva per il suo omicidio

Pier Paolo Pasolini: morto Pino Pelosi, l’uomo condannato in via definitiva per il suo omicidio. Pelosi è morto a Roma, aveva da poco compiuto 59 anni. Per la giustizia italiana fu lui, il 2 novembre del 1975, ad uccidere ad Ostia l’intellettuale e poeta bolognese. Pelosi era malato di tumore, si è spento nella notte al Policlinico Gemelli. Per anni si era autoaccusato dell’omicidio dello scrittore, per poi ritrattare nel 2015.

Pino Pelosi fu fermato la notte stessa del delitto a Ostia alla guida dell’auto di Pasolini.  I carabinieri non sapevano ancora della morte di Pasolini e Pelosi fu inizialmente accusato solo di furto di un’auto che lui stesso confessò di aver rubato. Venne poi trasferito nel carcere di Casal del Marmo.

>>> TUTTE LE NEWS CON URBANPOST, LEGGI <<<

Dopo alcuni giorni fornì una prima versione dei fatti, dicendo di essere stato abbordato da Pasolini all’Idroscalo, parlò di una colluttazione a causa di una prestazione sessuale, dell’investimento involontario dello scrittore durante la fuga in auto. Quell’incontro a sfondo sessuale tra lui e il poeta a detta di Pelosi sarebbe degenerato in alterco; Pasolini lo avrebbe colpito con un bastone e lui si sarebbe difeso a sua volta con una tavola di legno. Pelosi disse di aver lasciato Pasolini a terra, e di averlo investito accidentalmente fuggendo a bordo della sua auto, nella notte.

Pelosi fu poi condannato nel 1976 per omicidio volontario in concorso con ignoti; la Corte ritenne non fosse solo nonostante lui avesse sempre ribadito che quella sera non ci fosse nessun altro con loro. La Corte d’Appello confermò la condanna per omicidio ma non ritenne concreta l’ipotesi dei complici. Nel 1979 la Cassazione confermò la sentenza. Nell’83 Pelosi ottenne la libertà condizionata. “Convinto della sua innocenza. Esistono informazioni custodite in una cassetta di sicurezza. Lui non se l’è mai sentita di diffonderle per la paura che qualcuno potesse toccare lui o i suoi familiari”, ha dichiarato il suo legale, Alessandro Olivieri.

Milano: avvocatessa accoltellata nel suo studio fa nome aggressore ai soccorritori

Diretta Inter – Schalke 04 dove vedere in tv e streaming gratis Dragon City Cup