in

Piero Angela confessa: «Mi ha incoraggiato e criticato, senza di lei non sarei nessuno!»

Piero Angela, noto divulgatore scientifico, 90 anni appena compiuti e 38 libri pubblicati, si è sempre tenuto lontano dal gossip. Della sua vita privata si sa ben poco, sua moglie Margherita non ama essere fotografata e stare sotto i riflettori, eppure a detta del marito è lei il centro di tutto, il suo punto di riferimento: «Senza di lei non sarei nessuno», ha affermato teneramente il conduttore. Parole importanti che valgono molto più di una dichiarazione d’amore con fiori, anello alla mano e Torre Eiffel sullo sfondo.

Alberto Angela: «È stata una scelta di sacrificio. Ho avuto da lei la possibilità di fare cose che da solo non avrei fatto!»

Durante l’incontro a Libri Come, all’Auditorium Parco della Musica di Roma, Piero Angela si è confessato e ha espresso davanti ad una platea di oltre 400 persone la sua gratitudine nei confronti di Margherita Pastore, la sua fedele compagna di vita: «Il nostro è stato un colpo di fulmine. Lei era una ragazza, faceva la danzatrice, quando ci siamo conosciuti, e ha rinunciato alla carriera per venire con me a Parigi. Poi sono nati subito i figli. È stata una scelta di sacrificio. Ho avuto da lei la possibilità di fare cose che da solo non avrei fatto. Mi ha incoraggiato e criticato!». Lei danzatrice di successo, che molla tutto per seguire l’amato che vuole diventare corrispondente Rai nella capitale francese, lei che mette da parte i suoi sogni per veder realizzati quelli di lui, lei che antepone la felicità di questi alla sua. Se non è amore questo, difficile dire cosa questo sentimento sia. O forse sarebbe più giusto dire che i due sono diventati talmente una cosa sola, da non saper distinguere più dove cominciasse la felicità di uno e finisse quella dell’altro. Un progetto solo, un’anima sola. Un sentimento reso ancora più forte dalla nascita dei figli Christine e Alberto, che hanno avuto la fortuna di crescere con genitori che si sono voluti bene per davvero.

Alberto Angela: «È molto gratificante scrivere un libro!»

Nel corso dell’intervento Piero Angela ha poi parlato della gioia di pubblicare e della sua attività di divulgatore: «La felicità è avere il primo libro in mano. Ne ho scritti 38. Tutti diversi uno dall’altro, anche se mia moglie dice che scrivo libri tutti uguali», ha affermato con ironia Piero Angela, che ha concluso dicendo: «Quando cominci un libro hai davanti la pagina bianca è una sofferenza fisica, ma è una gioia. È molto gratificante scrivere un libro, costruisci qualcosa, rimane un oggetto e ogni tanto lo vai a vedere. Scrivo le cose che avrei voluto leggere e i programmi che avrei voluto vedere. C’è sempre qualcosa in più che puoi fare, un esempio, una battuta migliore. Puoi correggere!».

leggi anche l’articolo —> Alberto Angela, sex symbol italiano e «superdotato» divulgatore scientifico (foto esclusive)

anna siena

Napoli: dimessa dall’ospedale, Anna muore a 36 anni per un “mal di pancia”

Miriam Leone Instagram, quel dettaglio che fa impazzire i fan