Menu
in

Piero Chiambretti malattia: «Un caso su un milione. Ho rischiato di perdere la vista»

Lo si è visto in splendida forma alla prima puntata dello show di Canale 5 Adrian, assieme ad altri volti noti della tv come Paolo Bonolis, Massimo Giletti, Gerry Scotti e Carlo Conti, accorsi per “aiutare” il Molleggiato a risollevare il suo spettacolo. Stiamo parlando di Piero Chiambretti, che lo scorso anno ha fatto il boom di ascolti col programma #CR4 – La Repubblica delle Donne. In una passata intervista ad “Ok-Salute e Benessere” il presentatore e comico valdostano ha parlato della sua malattia, o meglio delle sue tante malattie. Proprio queste ultime, che lo hanno “assillato” sin da bambino, lo hanno reso ipocondriaco.

Piero Chiambretti: «Sono un ipocondriaco vero, terrorizzato dai malanni»

«Posso svenire alla vista del sangue, all’argomento medicine cambio discorso, se tocco il cotone idrofilo mi viene una specie di allergia. Penso alle malattie il meno possibile, perché nel momento stesso in cui ne sento parlare mi sembra già di averle. Sono un ipocondriaco vero, terrorizzato dai malanni!», ha esordito Piero Chiambretti, che poi ha aggiunto: «Nonostante sia convinto che la prevenzione sia basilare, sono altrettanto certo che occorra tanta fortuna. Di fronte a un destino segnato non ci sono esami del sangue che tengano. E io ne faccio pochi. Più che i risultati delle analisi sono gli attrezzi a farmi paura, la vista di una siringa per me è micidiale!». 

«Da bambino sono stato affetto da reumatismo articolare acuto, poi…»

La sindrome da “malato immaginario”, che lo accomuna ad altri vip, come il cantante Ultimo e la conduttrice Maria De Filippi, ha una sua ragione: «Da bambino sono stato affetto da reumatismo articolare acuto, che ha infiammato le mie mani e che mi aveva procurato un soffio al cuore. Oggi forse si cura facilmente, ma all’epoca era pericolosa, tanto che mi ha costretto a letto per un anno intero, tra dolori lancinanti che richiedevano ogni giorno punture di penicillina e cortisone!». 

Piero Chiambretti malattia: «Un caso su un milione. Ho rischiato di perdere la vista»

Non è tutto: il 63enne ha avuto anche l’uveite, una malattia a un occhio che colpisce un caso su un milione e che se non curata porta alla cecità. «Ero in Russia per un programma televisivo Rai, le temperature erano bassissime e il mio livello di stress altissimo, così le difese immunitarie sono andate in tilt. All’inizio era solo un po’ di male a una palpebra, che però si faceva sempre più fitto, fino quasi a impedirmi di aprire gli occhi!», ha raccontato Piero Chiambretti. Al suo rientro in Italia si è recato all’ospedale San Raffaele di Milano, dove i medici gli hanno detto che se avesse aspettato ancora una decina di giorni avrebbe perso completamente la vista. Il conduttore ha avuto anche qualche tempo dopo il Fuoco di Sant’Antonio in pieno viso: «40 giorni a letto e medicine potentissime, che per fortuna, ancora una volta, mi hanno completamente guarito, anche se ogni tanto avverto qualche fitta nei punti in cui il sistema nervoso facciale è più sensibile!», ha ammesso Chiambretti. Insomma non proprio fortunato il popolare conduttore tv.

leggi anche l’articolo —> Ultimo malattia: ha lo stesso disturbo di Maria De Filippi

 

Written by Cristina La Bella

Cristina La Bella è redattrice di "UrbanPost". Sin da bambina sogna di diventare giornalista. Si laurea nel 2014 in "Lettere Moderne" e nel 2017 in "Filologia Moderna" all'Università La Sapienza di Roma. Il 16 aprile 2018 riceve il riconoscimento di "Laureato Eccellente" per il suo percorso di studi. Cofondatrice di "Voci di Fondo", ha scritto, tra i tanti, con giornali quali "Prima Pagina Online", "Newsly", “SuccedeOggi" e “LuxGallery”. Nel tempo libero le piace leggere, vedere film e fare shopping. Il più grande amore: i suoi nipotini.