in

Rai Piero Marrazzo sospeso dalla sede di Gerusalemme: le motivazioni della decisione

Non c’è pace per l’ex governatore del Lazio Piero Marrazzo. Il giornalista è stato sospeso dall‘incarico di responsabile della sede Rai di Gerusalemme per presunte irregolarità nella gestione dell’ufficio di corrispondenza. I controlli portati a termine avrebbero fatto scattare anche la sospensione di un produttore esecutivo, che sarebbe il principale responsabile di quanto accaduto.

Piero Marrazzo sospeso dalla sede Rai di Gerusalemme: cosa è accaduto

Stando all’HuffPost, che ha ripreso Adnkronos, l’indagine, svolta nel massimo riserbo, sarebbe stata avviata diversi mesi fa. L’inchiesta sarebbe partita da una lettera anonima giunta alla Rai e diverse autorità, tra cui la Magistratura. Al momento non si conosce il contenuto della lettera, definito da Repubblica «top secret». Il Fatto Quotidiano intanto riferisce che a breve Piero Marrazzo, corrispondente Rai da Gerusalemme dal 2015, renderà pubblica a breve la sua «versione dei fatti».

Dopo lo scandalo nel 2009 il ritorno al giornalismo: da quattro anni era corrispondente da Gerusalemme

L’ex governatore della regione Lazio di nuovo nella bufera. Dopo una lunga carriera in Rai – dapprima come conduttore e inviato del TG2, poi come responsabile della testata regionale della Toscana e infine, chiamato da Giovanni Minoli, al timone di Cronaca in diretta e altri speciali come Format e Drug Stories – Piero Marrazzo si era dedicato al mondo della politica. Accantonata l’attività di giornalista e conduttore di programmi di successo come Mi manda Raitre, il 60enne si era candidato come presidente alla Regione Lazio. L’elezione nel 2005, poi le dimissioni nel 2009 per il noto scandalo dell’incontro in un appartamento di via Gradoli, nella zona di Tomba di Nerone a nord di Roma, con una transessuale. Nel 2010 le accuse sono cadute nei confronti dell’ex governatore – la Cassazione stessa ha parlato di complotto – ma Marrazzo aveva deciso di voltare pagina e tornare in Rai. Tanti i documentari realizzati per Rai Tre, come quello sull’Armenia trasmesso nel gennaio del 2012. Il 13 novembre 2013, a distanza di nove anni, Marrazzo era stato chiamato a condurre il talk show Razza Umana su Rai 2, che tuttavia chiuse i battenti per bassi ascolti. Dal 2015 il 60enne romano era stato quindi scelto come corrispondente da Gerusalemme.

leggi anche l’articolo —> Vittorio Sgarbi Giampiero Mughini rissa vergognosa a Stasera Italia: tra insulti e colpi di sedia

 

Written by Cristina La Bella

Cristina La Bella è redattrice di "UrbanPost". Sin da bambina sogna di diventare giornalista. Si laurea nel 2014 in "Lettere Moderne" e nel 2017 in "Filologia Moderna" all'Università La Sapienza di Roma. Il 16 aprile 2018 riceve il riconoscimento di "Laureato Eccellente" per il suo percorso di studi. Cofondatrice di "Voci di Fondo", ha scritto, tra i tanti, con giornali quali "Prima Pagina Online", "Newsly", “SuccedeOggi" e “LuxGallery”. Nel tempo libero le piace leggere, vedere film e fare shopping. Il più grande amore: i suoi nipotini.

Emanuela Orlandi «È viva e sta bene», le parole di Ali Agca: «Nessun sequestro»

Umberto Smaila a “Io e te”, battuta su “Colpo Grosso” fa irritare Diaco: «Siamo su Rai1!»