in ,

Pietro Barilla storia: 102 anni dalla nascita dell’imprenditore che cambiò l’idea di pasta

Nascere con un cognome importante, delle responsabilità e il futuro di una grande azienda da portare avanti, anche se sembra il sogno di molti, in realtà non è per nulla un’impresa facile. Occorrono un carattere deciso, una volontà di ferro e moltissimo spirito di sacrificio, tutte qualità che a Pietro Barilla non mancavano di certo. Figlio di Riccardo e nipote di Pietro Senior, è una personalità di spicco della famiglia parmense, grazie al suo modo innovativo di interpretare la pasta e metterla al centro della cucina italiana, che lo ha reso famoso e lo fa ricordare ancora oggi a 102 anni dalla sua nascita.

—> Puoi consultare l’intera sezione Cucina qui

Pietro Barilla entrò a far parte dell’azienda di famiglia da molto giovane, dando il via alla terza generazione passata poi ai figli dopo l’improvvisa scomparsa nel 1993 all’età di 80 anni. “Tutto è fatto per il futuro, andate avanti con coraggio” questo il motto dell’imprenditore amante dell’arte e della cultura, ammirato e stimato dall’intera città di Parma e non solo dai suoi dipendenti che usavano chiamarlo “il signor Pietro”. Grazie al suo fiuto per gli affari, alla sua tenacia e generosità la Barilla è riuscita ad espandersi in maniera esponenziale nel corso degli anni, fino a diventare una delle massime potenze mondiali riconosciuta ovunque per il marchio Made in Italy. Sua fu l’idea di puntare sulle campagne pubblicitarie televisive, in grado di catalizzare l’attenzione del pubblico in una maniera del tutto nuova ed inaspettata: nel 1958 così la Barilla fece la sua comparsa a Carosello, con testimonial di grande spessore come Mina e Dario Fo.

L’industria italiana tuttavia sul finire degli anni ’60 entrò in crisi e con esso il colosso Barilla, che si vide costretto a cedere il pacchetto di maggioranza alla multinazionale alimentare americana Grace. Dopo molti sacrifici e sforzi però “il signor Pietro” nel 1979 riuscì a riacquistare il pieno controllo della società, fondando addirittura le consociate estere Barilla France, Barilla España e Barilla Deutschland, sponsorizzati dai volti dell’attore Gérard Depardieu, del tenore Placido Domingo e della tennista Steffi Graf. Insomma una vita dedicata alla passione per il lavoro e l’azienda di famiglia, tramandata di generazione in generazione da padre a figlio con lo stesso entusiasmo e voglia di rinnovamento di chi nel lontano 1877 fondò a Parma, in strada Vittorio Emanuele, un’umile bottega che produceva pane e pasta.

Padre fugge con figlio neonato

Torino, padre 39enne fugge in Francia con il figlio neonato di 15 giorni

uomini e donne news trono classico

Uomini e Donne trono classico: ecco perché Amedeo potrebbe lasciare il trono