in ,

Pietro Mennea. La freccia del sud anticipazioni: Michele Riondino e Luca Barbareschi fanno rivivere il mito

Questa sera, domenica 29 marzo 2015 e domani, lunedì 30 marzo 2015, nella prima serata di Rai 1 andrà in onda una mini serie dedicata alle imprese leggendarie del velocista pugliese, un vero e proprio mito dell’atletica mondiale, intitolata Pietro Mennea. La freccia del sud e con Michele Riondino come protagonista per la regia di Ricky Tognazzi. La fiction è stata realizzata in coproduzione fra Rai Fiction e Casanova Multimedia anche grazie alla produzione di Luca Barbareschi che ha un doppio ruolo ed interpreta Carlo Vittori, il dirigente federale che, con durissimi allenamenti porterà Mennea a raggiungere il suo sogno e a volare più veloce della luce.

Cosa vedranno i telespettatori? Su quali aspetti si concentrerà la fiction Pietro Mennea. La freccia del sud? Ad un passo da uno degli appuntamenti più importanti per la sua carriera, i Giochi di Mosca del 1980, Pietro Mennea ripercorrerà i momenti più significativi della sua carriera ripensando a tutti i sacrifici fatti e a tutti i traguardi raggiunti prima di arrivare ad un passo dal sogno. Dalle prime corse per le strade di Barletta, al rapporto con i genitori Vicenzina e Salvatore interpretati da Lunetta Savino e Nicola Rignanese. Dall’incontro con Carlo Vittori al 1979 e al record nei 200 metri piani, approdando fino alla medaglia d’oro alle Olimpiadi insieme all’amore della sua vita.

Descrivendo ciò che ha dovuto affrontare per interpretare Pietro Mennea nella fiction in onda questa sera e domani, Michele Riondino, in una intervista per il settimanale Di Più Tv, ha detto: “Ho corso, corso, corso, fino a restare a terra senza fiato. Mi sono fermato, ho pianto e ho ripreso a correre, perché il grande Pietro Mennea non si fermava davanti a nulla..

innovation, innovazione culturale

IC Innovazione Culturale: 1.500.000 euro per le imprese culturali e creative

S6 offerte prevendita

Samsung Galaxy S6/S6 Edge news uscita: migliori prezzi online, offerte sottocosto Mediaworld, Unieuro e Euronics