in

Pino Daniele, il ricordo degli amici e degli artisti: da Baglioni a Venditti, da Mannoia a Ramazzotti

Pino Daniele, sono in tanti gli amici e gli artisti che in queste ore lo ricordano, non solo come grandissimo musicista ma anche come grande uomo, umile e generoso. Da Antonello Venditti, che sul suo profilo Facebook ha postato una foto in cui appaiono sorridenti insieme con un cuoricino e una sola frase: “Non ho più lacrime”; a Fiorella Mannoia, che su Twitter scrive: “Pino Daniele ci ha lasciato, un dolore immenso, sono attonita, non trovo altre parole”. Una dedica ampia e bellissima è apparsa invece sulla pagina Fb di Claudio Baglioni, ed è stata già condivisa da più di 60.000 persone:

“Pino, Pinuccio tanto caro
Pino adorato
ieri sera guardavo la foto presa da lontano
di noi due seduti sul bordo del terrazzo
mentre tu mi raccontavi e io ascoltavo.
Dietro c’era solo il mare.
E al mare e a te pensavo
come in una misteriosa malinconia,
una tristezza nuova e sconosciuta.
Non capivo, non sapevo ancora niente.
Avevo una chitarra per le mani
e piano piano mi sono ritrovato a suonare
e poi a canticchiare Io dal mare
immaginando nel lunghissimo finale
i tuoi fraseggi di corde e voli di voce senza parole.
Tu non c’eri ma era come se fossi lì con me
a ricordare il pezzo, a ripassarlo
per la prossima occasione in cui l’avremmo rifatto.
L’avevamo registrato venticinque anni fa
e tu, che non eri stato bene,
l’avevi voluto fare lo stesso.
“Ci ho messo tutto il cuore” dicesti sorridendo
e ci scherzammo su per tutta la cena al ristorante.
Ora, dopo un quarto di secolo, quel cuore si è fermato.
Ma non la voce, le note calde della tua chitarra,
lo swing, il blues, l’anima profonda, le canzoni belle.
Non la tua passione, la sincerità come melodia di vita,
l’amicizia vera, diretta e a volte brusca,
quasi antica, di un altro tempo, di un tempo che fu giovane
insieme a noi e ai nostri primi sogni.
Un tempo che non è passato mai
e che, d’ora in poi, scorrerà diverso
con il ritmo più dolente e lento della nostalgia.
È stato un regalo conoscerti e incontrarti
in questi anni e in questo mondo
e cantare suonare parlare ridere con te
e sentire, sapere, essere sicuro
che ogni volta,
nella musica e nella vita,
ci hai messo tutto il cuore”.

Sempre su Twitter salutano il talentuoso chitarrista e bluesman Luca Carboni (“Ciao immenso Pino Daniele. Grazie”), Fedez (“L’Italia piange ed io con lei. Ciao Pino, un abbraccio grande. Grazie di tutto”) e Jovanotti (“Ciao uomo fatto di musica, amico generoso e artista grandissimo. Grazie di essere passato di qui a portare tutta questa bellezza”).

Parole per un grande artista anche dal mondo della politica: “Scompare un amico, un grande artista: faceva impazzire e sognare il cuore di tanti ma il suo era debole. Un bacio, Pino” scrive l’ex sindaco di Napoli ed ex governatore della Campania Antonio Bassolino mentre l’Ansa riporta le parole dell’attuale sindaco Luigi De Magistris: “Il mio ricordo più bello nel rapporto con Pino Daniele è quando appena diventato sindaco, a un suo concerto, mi dedicò Je so’ pazz: non dimenticherò mai questo momento, se n’è andato un pezzo di carne, di vita in ognuno di noi, in ogni napoletano e oltre perché la sua musica ha fatto il giro del mondo, si è contaminata, ha contaminato ed è poi tornata alle origini mettendo insieme gli artisti della prima ora”.

E mentre sulla rete si rincorrono parole di cordoglio (così Eros Ramazzotti su Fb: “Anche Pino ci ha lasciato. Grande amico mio, ti voglio ricordare con il sorriso mentre io, scrivendo, sto piangendo. Ti vorrò sempre bene perchè eri un puro ed una persona vera oltre che un grandissimo artista. Grazie per tutto quello che mi hai dato fratellone, sarai sempre accanto al mio cuore. Ciao Pinuzzo…“) fra i vicoli del centro storico della sua Napoli è un susseguirsi di reazioni e l’incredulità è tanta: “L’ho saputo dalla televisione, mi è dispiaciuto tanto: la prima cosa che ho fatto è stata chiamare i miei figli”; “Chi non conosce le sue canzoni a Napoli? Sono tutte belle e raccontano della città”; “Incredibile, pensare che si era appena esibito”, questi alcuni commenti a caldo raccolti dall’Ansa.

Intanto a fianco di una statuina di terracotta raffigurante Pino Daniele che si trova nella Bottega dei presepi di San Gregorio Armeno è apparsa una scritta: “Ciao guagliò”. Genny Di Virgilio, l’artigiano che ne regalò una simile all’artista durante l’ultimo concerto al Palapartenope dice: “Lui ci salutava così, prima di ogni concerto, ed oggi siamo noi che salutiamo lui, uno dei più grandi artisti napoletani di sempre”. Tutti gli articoli su Pino Daniele

offerte di lavoro 2015 per laureati all'estero

Offerte di lavoro all’estero 2015 per laureati: opportunità alla FAO e all’UNHCR

Calendario Serie A 5a giornata

Calendario Serie A 2014/2015: diretta Tv anticipi e posticipi della diciassettesima giornata