in

Pino Daniele: Napoli ricorda il cantante scomparso con un concerto sul Lungomare

Sono passati quattro anni dalla scomparsa di Pino Daniele. Era il 4 gennaio del 2015, alle ore 22,45 venne data la notizia del decesso all’ospedale Sant’Eugenio di Roma dello scugnizzo europeo che aveva conquistato il pubblico di tutto il mondo e i critici stessi, con quella disarmante poesia che aveva dentro e che lo accomunava ad un altro grande, suo caro amico, che ci ha lasciato pure presto: Massimo Troisi. Il popolo napoletano attonito, come del resto l’Italia intera, ha pianto per la morte di quello che davvero è stato uno dei nostri migliori cantautori. Non è retorica e le canzoni di Pino Daniele ne sono la prova.

 

La sua gente, quella Napoli di «mille colori» non poteva dimenticare il suo poeta, così a quasi un lustro di distanza dalla morte, gli rende omaggio questa sera con un evento, che più che un concerto tributo è un flash mob. Alle 21,30, sul meraviglioso Lungomare Caracciolo si terrà lo show “Pino Daniele, I still love you”. Il titolo dice già tutto. Il giovane musicista Vincenzo Danise rimetterà il suo pianoforte sul lungomare appunto per un’esibizione improvvisata, in cui ogni passante è chiamato ad aggiungere la propria voce, blues, l’affetto verso Pino Daniele. L’evento si terrà in Via Partenope, di fronte all’entrata della facoltà federiciana di Economia e Commercio. A chi volesse partecipare ricordiamo che l’ingresso è gratuito.

Nel corso della serata verranno interpretati una quartina di pezzi dell’uomo in blues: da Quandoa Un angelo vero, da Mal di te a Qualcosa arriverà, da Terra miaa Napule è. E ancora canzoni bellissime come Sara, Allora sì, Tutta n’ata storiaNotte che se ne va, Che soddisfazione , Nun me scuccià, Quanno chiove, Je so’ pazzo, Amico mio, Ammore scombinato, Cammina cammina, Anima, Invece no, Anna verrà, Pace e serenità, e Stella nera. In ricordo del cantante è nata anche una associazione chiamata Pino Daniele Trust Onlus, ente no profit per le iniziative culturali e musicali in suo nome, che ha l’intento di valorizzare il grande patrimonio artistico e umano che ci ha lasciato il grande artista napoletano.

leggi anche l’articolo —> Elisa “Se piovesse il tuo nome”: prima in classifica, le date del tour

 

Written by Cristina La Bella

Cristina La Bella è redattrice di UrbanPost. Nasce a Frosinone il 13 febbraio del 1991, quando in Ciociaria la neve non si vedeva da anni e l’Italia tirava un sospiro di sollievo per la fine della guerra del Golfo. Sin da bambina sogna di diventare giornalista. Si laurea nel 2014 in "Lettere Moderne" e nel 2017 in "Filologia Moderna" all'Università La Sapienza di Roma. Il 16 aprile 2018 riceve il riconoscimento di "Laureato Eccellente" per il brillante percorso di studi. Cofondatrice di "Voci di Fondo", ha scritto, tra i tanti, con giornali quali "Prima Pagina Online", "Newsly", “SuccedeOggi", “LuxGallery”. Nel tempo libero le piace leggere, vedere film e fare shopping. Il più grande amore: i suoi nipotini.

Meteo prossime ore: neve al Centrosud, dove e quanta

Il Santo del giorno 5 gennaio: San Giovanni Nepomuceno Neumann