in ,

Pino Daniele Testi Canzoni: i 5 brani per commemorare il compianto artista

Pino Daniele Testi Canzoni

Sono passati due anni dalla morte di Pino Daniele. E ancora oggi, soprattutto a Napoli, sembra difficile farsene una ragione. Il cantautore partenopeo ha lasciato un vuoto incolmabile nella discografia nostrana. L’Italia, quella notte del 4 gennaio 2015, ha pianto la scomparsa di uno dei più grandi artisti degli ultimi trent’anni. E a due anni di distanza, ancora oggi, il ricordo di Pino Daniele è quanto mai vivo. Oggi vogliamo ricordarlo, nell’anniversario della sua morte, con i testi delle sue canzoni. Ne abbiamo scelti 5, ecco quali.

—> PINO DANIELE FIGLI: ECCO COSA SAPERE

Pino Daniele Testi Canzoni: Quando

Tra i brani più celebri di Pino Daniele c’è senza dubbio Quando. Ecco il testo della canzone:

Tu dimmi quando, quando/dove sono i tuoi occhi e la tua bocca/forse in Africa che importa./ Tu dimmi quando, quando/dove sono le tue mani ed il tuo naso/verso un giorno disperato/ma io ho sete/ho sete ancora.

Inizia così uno dei grandi successi di Pino Daniele che prosegue: “Tu dimmi quando, quando non guardarmi adesso amore sono stanco perché penso al futuro./ Tu dimmi quando, quando siamo angeli che cercano un sorriso non nascondere il tuo viso perché ho sete, ho sete ancora.”

Il successo di Pino Daniele, Quando, una delle canzoni più apprezzate della discografia italiana: “E vivrò, sì vivrò
tutto il giorno per vederti andar via/ fra i ricordi e questa strana pazzia e il paradiso, forse esiste/chi vuole un figlio non insiste.” “Tu dimmi quando, quando ho bisogni di te almeno un’ora per dirti che ti amo ancora./ Tu dimmi quando, quando/lo sai che non ti avrò e sul tuo viso/ sta per nascere un sorriso/ed io ho sete, ho sete ancora.”

Un inno all’amore da parte di Pino Daniele in questo passaggio di Quando: “E vivrò, sì vivrò tutto il giorno per vederti andare via/ fra i ricordi e questa strana pazzia/ e il paradiso, forse esiste/ chi vuole un figlio non insiste./ lo sai che non ti avrò e sul tuo viso/ sta per nascere un sorriso/ ed io ho sete, ho sete ancora./Tu dimmi quando, quando”

morte pino daniele ultime news

Pino Daniele Testi Canzoni: Je’ So Pazzo

Una delle colonne sonore della discografia di Pino Daniele. Poteva mancare la celebre Je’ so Pazzo?

“Je so’ pazzo je so’ pazzo/e vogl’essere chi vogl’io/ ascite fora d’a casa mia/ je so’ pazzo je so’ pazzo/ c’ho il popolo/ che mi aspetta/ e scusate vado di fretta/ non mi date sempre ragione/ io lo so che sono un errore/ nella vita voglio vivere/almeno un giorno da leone.”

Pino Daniele in Je’ so Pazzo evidenzia l’anima verace del cuore napoletano: “e lo Stato questa volta/ non mi deve condannare/ pecché so’ pazzo/je so’ pazzo/ e oggi voglio parlare./ Je so’ pazzo je so’ pazzo/ si se ‘ntosta ‘a nervatura/ metto a tutti ‘nfaccia o muro/je so’ pazzo je so’ pazzo”

L’asinello di colore diverso, perché non deve essere più bello? “e chi dice che Masaniello
poi negro non sia più bello?/e non sono menomato/ sono pure diplomato/ e la faccia nera l’ho dipinta/ per essere notato/ Masaniello é crisciut/ Masaniello é turnat/ je so’ pazzo/ je so’ pazzo/nun nce scassat ‘o c**!”

pino daniele

Pino Daniele Testo Canzoni: Napule è

Un inno alla sua ‘Patria’, al suo luogo natio. Pino Daniele, con questa fedele descrizione di Napoli, ha conquistato tutti. Non solo i partenopei.

“Napule è mille culure,/ Napule è mille paure/ Napule è a voce de’ criature/ che saglie chiane chiane
E tu sai ca nun si sule/ Napule è nu sole amaro/ Napule è addore ‘e mare/ Napule è na carta sporca/ e nisciuno se ne importa/E ognuno aspetta a ‘ciorta,”

Un inno per la sua Napoli da parte di Pino Daniele: “Napule è na’ cammenata,/dinte e viche miezo all’ato/ Napule è tutte nu’ suonn/ e a sape tutto ‘o munno/ ma nun sann’ a verità/ Napule è mille culure,/ Napule è mille paure/ Napule è nu sole amaro,/ Napule è addore e’ mare/ Napule è na carta sporca/ e nisciuno se ne importa/ Napule è na’ camminata/ inte viche miezo all’ato/ Napule è tutto nu suonno/e a sape tutto o’ munno.”

Cosa è stata Napoli per Pino Daniele? “Napule è mille culure,/Napule è mille paure/ Napule è nu sole amaro,
Napule è addore e’ mare…”

morti famosi 2015

Pino Daniele Testi Canzoni: O Scarrafone

Ogni scarrafone è bello a mamma sua. Ovvero, ogni figlio per la propria madre è il più bello. E Pino Daniele, con questa canzone di assoluto successo, lo ha sottolineato una volta di più.

‘O scarrafone ‘o scarrafone/ogni scarrafone è bello a mamma soja/ Ho scoperto che Pasquale
forse è nato a Cefalú/ si è sposato a Novedrate è un bravo elettricista/ fuma ppoco e ascolta i Pooh/‘o scarrafone ‘o scarrafone/ogni scarrafone è bello a mamma soja.”

Da buon meridionale un passaggio al contrasto politico Sud vs Nord: “Accidenti a questa nebbia/ te set adre a laurà
/questa Lega è una vergogna/ noi crediamo alla cicogna/ e corriamo da mammà/ Oggi è sabato/ e domani non si va a scuola/ oggi è sabato/ se non chiami ho un nodo in gola/ oggi è sabato/ e forse è un giorno speciale
oggi è sabato meno male.”

Tutti sono belli per la propia mamma, mamma intesa come città, non solo in senso materno. “‘O scarrafone ‘o scarrafone/ ogni scarrafone è bello a mamma soja/ E se hai la pelle nera/ amico guardati la schiena/ io son stato marocchino/ me l’han detto da bambino/ viva viva ‘o Senegal/ Oggi è sabato/ e domani non si va a scuola…/ ‘O scarrafone ‘o scarrafone/ ogni scarrafone è bello a mamma soja.”

testamento Pino Daniele compagna Amanda Bonini Fabiola Sciabbarrasi

Pino Daniele Testi Canzoni: Basta ‘na jurnata ‘e sole

Una giornata di sole basterebbe per scacciare via i pensieri. Non basterà per riportarci Pino Daniele…

Je te vulesse da’/tutt’e penziere e chi ‘a matina va a/fatica’/ pe’ te fa capi’ pecché se
dice si./ Je te vulesse da’/ tutt’e strade d’o munno pe’/ te fa’ cagna’/ e spusta’ ‘e culure senza/ aver paura senza aver/ paura./ Ma basta ‘na jurnata ‘e sole/ e quaccheduno ca te vene a/ piglia’.”

Chi vive al Sud sa quanto può cambiare una giornata di sole per il proprio umore: ” ma basta ‘na jurnata e sole
pe’ pote’ parla’./ Ma basta ‘na jurnata ‘e sole/ e quaccheduno ca te vene a
piglia’/ ma basta ‘na jurnata e sole/ pe’ pote’ canta’./ Je te vulesse da’/ un po’ di luce in una stanza/ pe’ te fa’ tucca’/ senza cade’ pe’ te fa’ sape’.”

Dare tutto quello che è possibile attraverso il proprio ingegno: “Je te vulesse da’
tutto chello ca riesco a inventa’/ pe’ te fa’ ridere accussi’/ pe’ me fa’/ capi’ pe’ me fa’ capi’./ Ma basta ‘na jurnata ‘e sole/ e quaccheduno ca te vene a/ piglia’/ma basta ‘na jurnata e sole
pe’ pote’ parla’./ Ma basta ‘na jurnata ‘e sole/ e quaccheduno ca te vene a piglia’/ ma basta ‘na jurnata e sole
pe’ pote’ canta’.”

Seguici sul nostro canale Telegram

Virginia Raggi news: Grillo esalta il Capodanno di Roma ma viene smascherato su Twitter (FOTO)

Manuel Agnelli intervista: “Non ho un interesse esclusivo per le donne. Le droghe le ho provate tutte”