in

Pitti Firenze 87: l’eleganza dell’uomo italiano, classico con tendenze sporty chic

Al via ieri alla 87° edizione di Pitti Firenze, la fiera dedicata alle nuove tendenze maschili e femminili delle prossime stagioni. A ridosso delle sfilate moda uomo di Milano, il primo appuntamento è alla Fortezza da Basso, per un’inedito viaggio tra moda, design, lifestyle, e cultura, alla scoperta delle nuove proposte A/I 2016. Più di 1100 gli espositori, sia italiani che stranieri, tra i quali spiccano, con tenacia, i nuovi brand emergenti. L’affluenza dei visitatori addetti al settore, solo il primo giorno, ha superato del 40% i pronostici, sbaragliando piacevolmente le aspettative. E tra buyer, giornalisti, blogger, e rappresentanti, riuniti a migliaia in nome del made in Italy, l’attenzione è tutta puntata sul maschio e sulla sua abilità di vestire conservando quell’allure tipico dei gentiluomini di altri tempi, un “savoir fair” di modi e di stile, che, a differenza dei trends, non conosce turn over (ricambio). E così, appare evidente la sfida dei designer contemporanei, reinterpretare il classico in versione attuale, riproponendo le istanze tipiche del bon-ton tradizionale, che, mantenuto nella forma, muta nella sostanza.

Cambia radicalmente, infatti, l’idea di abbigliamento maschile. La classicità viene sdoganata dai suoi archetipi per assolvere ad un diverso concept, quello dell’uomo fine anche se sportivo, elegante in giacca e cravatta, anche se ad esse abbina un paio di sneakers. Le forme tuxedo dei completi, rimangono quelle tipiche degli abiti maschili di sempre, ma vengono rielaborate in tessuti e pattern nuovi. Così anche gli accessori. Ed ecco che i pantaloni tartan e in principe di Galles divengono più aderenti e cadono sulle caviglie in modo più delicato, come quelli proposti da GioZubon. Le giacche divengono quasi accessori, eleganti, fantasiose e versatili, possono essere combinate su diversi look, non solo in completo ma anche in spezzato, su un jeans o su un pantalone, dando forma a mood nuovi. Bellissime in questo senso quelle proposte da Luigi Bianchi Mantova, L.B.M 1911, Man 1924, e Samas. Quest’ultimo marchio, brand iconico, molto famoso all’estero, e da poco rilanciato sul mercato italiano, da sempre sinonimo di abbigliamento sportivo, ha saputo coniugare la ricerca della bellezza con la funzionalità, per dare vita a giacche e giubbini che uniscono la praticità a materiali innovativi. La rivoluzione, è nel taglio e nei tessuti. Questi ultimi, seppur classici, come  il tweed, il jersey in lane jacquard, e le lane scozzesi, sono tutti reversibili e idrorepellenti, come ha spiegato il direttore creativo Jumpei Nakaarai.

Ed innovazione è la parola chiave anche per gli accessori. Magnetici, sono gli occhiali di Pugnale & Nyleve, un brand giovane e italianissimo, che si esprime attraverso un design “senza compromessi” per proporre una concezione di occhiale personale ed avanguardistica, che unisce la sapiente artigianalità italiana alla ricerca stilistica. Le lenti vengono montate su strutture nuove, che paiono cornici futuriste su un quadro di Renoir. Ogni prodotto è un progetto che nasce dallo studio e l’impiego di tecnologie, materiali e finiture. L’hi-tech si fonde con i preziosi per creare modelli inediti, come quelli della collezione Metal Harmony, con montatura monoblocco realizzata in acciaio armonico, incredibilmente flessibile e super leggera (pesa appena 10 g); o quelli della collezione 24K, progettati da un team di ingegneri che, mediante un processo di vaporizzazione dell’oro all’interno di una camera a vuoto, a realizzato una struttura pregiata e inequivocabilmente unica. Insomma, Pitti 87, conferma come l’uomo 2016 sia sicuro di sé, non abbia paura del cambiamento, di accostare una scarpa da ginnastica ad una cravatta. Sportswear e tradizione si fondono insieme fino a compensarsi in un’amalgama coesa, e l’incontro tra tendenze apparentemente opposte crea costantemente stile.Come vestirà l'uomo 2014 sporty-chic Pitti 87

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Claudia Galanti e Arnaud Mimran di nuovo vicini

Claudia Galanti e Arnaud Mimran di nuovo vicini dopo la perdita di Indila

selvaggia lucarelli facebook

Selvaggia Lucarelli attacca Barbara D’Urso su Facebook: ecco il messaggio