in ,

Pogba sulla finale Champions League: “Juventus-Barcellona non sarà il mio ultimo match in bianconero”

Siamo ormai giunti al fatidico match, la sfida che qualunque calciatore sogna di poter affrontare nella propria carriera, il match che Paul Pogba, a soli 22 anni, ha l’opportunità di giocare da protagonista: la finale Champions League. Mostrare al mondo il suo talento e mostrare, a chi ancora non crede in lui, il suo grande valore: questi sono i presupposti e gli obiettivi del giovane francese, che mentre l’attesa aumenta assieme alla tensione, intanto, si gode il momento. Queste le sue parole sul suo futuro e sulla sfida Juventus-Barcellona di sabato sera:

“Tutti sappiamo come gioca il Barcellona, hanno il miglior attacco del mondo. Puoi prepararla tatticamente come vuoi, ma questo non è quello che ci farà vincere la partita. Bisognerà essere piuttosto aggressivi, forse fortunati. Sappiamo che non siamo favoriti, ma daremo tutto. Si tratta di una finale, non si sa mai. Messi oggi è probabilmente il miglior giocatore del mondo. Il Barcellona è una grande squadra, lo sappiamo, la migliore squadra del mondo, ma siamo in finale. A me piace il loro gioco, mi piace vederli giocare. Ma vorrei anche vederli perdere sabato”.

Sempre al centro di numerose indiscrezioni di mercato, Paul Pogba ha voluto spegnere gli animi, parlando chiaramente della sua situazione in bianconero: “La gente può credere quello che vuole, per me è una finale, una grandissima partita, sono concentrato su questo e nient’altro. Non ho mai detto che questo sarebbe la mia ultima partita con la Juventus. Non ho rimpianti. Sono molto felice qui, ho sempre voluto giocare questo tipo di partite”. Sulle critiche recenti rivolte da Allegri e dalla stampa per il suo atteggiamento in campo, Pogba risponde così: “È il mio modo di essere, non presunzione. Mi capita con tutti i miei allenatori! Non lo faccio apposta, sembra che mi rilassi un po’ ma non è così. E quando sento questo, un po’ mi tocca. Voglio dimostrare alle persone che si sbagliano”.

Written by Giuseppe Cubello

Studente all'Università Magna Graecia di Catanzaro. Innamorato dello sport. Sogno di diventare presto giornalista pubblicista.

2 giugno 1981: Rino Gaetano, tra la morte sospetta e una sinistra profezia

Torino lite con Uber: quattro tassisti investiti