in

Pokémon Go trucchi uova: come sapere in anticipo quale pokémon nascerà

Da quando l’app di Pokémon Go è stata rilasciata e tantissime persone hanno cominciato ad acchiappare i piccoli mostri giapponesi, una delle domande che moltissimi utenti si sono posti è: si può conoscere in anticipo quali pokémon usciranno dalle uova una volta schiuse? La risposta è sì. Ecco il trucco che funziona.

->SEGUICI ANCHE SULLA NOSTRA PAGINA FACEBOOK UFFICIALE: URBAN TECH

Innanzitutto, è bene sapere che l’unico modo in cui è possibile fare schiudere le uova è camminare. Autobus, automobili, aerei e biciclette, purtroppo non funzionano e nelle ultime settimane anche il famoso trucco per falsificare il GPS è stato messo al bando. Nonostante questo, però, è possibile sapere in anticipo quale pokémon uscirà dal nostro uovo seguendo dei semplici dettagli che consistono nel numero di chilometri da percorrere per arrivare alla schiusa. Ad esempio, per quelle uova nelle quali sono necessari minimo 2 chilometri di camminata, è probabile che il pokémon che ricevere, una volta schiuse, sarà uno dei seguenti: pikachu, charmender, squirtle, bulbasaur, Weedle, Caterpie, Pidgey, Geodude, Rattata, Clefairy, Spearow, Magikarp, Zubat e Jigglypuff.

In quelle uova per le quali sono necessari 5 chilometri, invece, sarà possibile trovare uno fra questi esemplari: Porygon, Goldeen, Staryu, Rhyhorn, Tangela, Exeggcute, Cubone, Gastly, Drowzee, Doduo, Seel, Ponyta, Slowpoke, Abra, Machop, Psyduck, Mankey, Diglett, Meowth, Paras, Venonat, Horsea, Tauros, Koffing, Kangaskhan, Voltorb, Lickitung, Shellder, Krabby, Farfetch’d, Grimer, Tentacool, Magnemite, Poliwag, Bellsprout, Oddish, Growlithe, Sandshrew, Vulpix, Ekans e i due esemplari di Nidoran. Infine, con le uova da 10 chilometri, potrete trovare: Onix, Hitmonchan, Hitmonlee, Omanyte, Chansey, Scyther, Dratini, Kabuto, Jynx, Electabuzz, Pinsir, Eevee, Snorlax, Lapras, Areodactyl e Magmar.

Grande Fratello Vip 2016: ufficializzati i nomi di altri concorrenti

Contagio da virus al mattino piu pericoloso

Virus e vaccini: il pericolo aumenta se l’infezione avviene al mattino