in

Pomeriggio 5, anticipazioni 19 novembre: Elena Ceste forse uccisa nell’auto bianca

Nuovi colpi di scena ieri a Pomeriggio 5. In esclusiva, in trasmissione sono state date alcune notizie molto importanti sui casi di Yara Gambirasio ed Elena Ceste. Per quanto riguarda il primo,  Claudio Salvagni, l’avvocato difensore dell’unico imputato per la morte della tredicenne di Brembate, Massimo Giuseppe Bossetti, ha fatto una clamorosa rivelazione: una delle ferite che ha ucciso la piccola Yara sarebbe stata inferta con la mano sinistra, cioè da un mancino. Bossetti, però è destrorso. L’ipotesi che ad uccidere la ragazzina sia stata più di una persona, prende sempre più piede.

Su Elena Ceste, nuovi e tanti sono gli interrogativi. Le analisi tossicologiche effettuate sul corpo della povera Elena, hanno confermato che non è stata avvelenata. La vicina di casa di Elena Ceste e Michele Buoninconti, però è sicura: “Elena è stata ammazzata in casa e portata in quel canale”. Lo ha dichiarato in esclusiva alle telecamere della trasmissione. C’è un giallo nel giallo della morte della donna, che ha alimentato in lei questo sospetto. Il giorno della scomparsa di Elena, le telecamere hanno ripreso Michele, nei suoi vari spostamenti, sempre a bordo di un’utilitaria bianca, di Elena, che lui, proprietario di  una golf, guidava contrariamente alle sue abitudini. Rientrato a casa dopo aver portato i figli a scuola, allarmato perché non trovava Elena, l’uomo ha chiesto aiuto alla vicina. A quest’ultima ha mostrato il bagagliaio della golf dicendo ” Vede qui mia moglie non c’è”? Ma perché ha mostrato il retro di quella macchina e non dell’altra che fino a poco prima aveva utilizzato? E perché questa utilitaria bianca è sparita e non si vede più parcheggiata e in circolazione? La pista della macchina come luogo del delitto si intreccia con quella del telo verde rinvenuto accanto al cadavere della donna. Si attendono gli aggiornamenti in diretta da Barbara D’Urso su questo importante punto.

Di oggi, invece, la notizia che  un super testimone delle chat di Elena Ceste è stato denunciato per falsa testimonianza. Si tratta di un imprenditore savonese, sposato e incensurato,  indagato dai carabinieri per avere inventato delle conversazioni in chat con Elena Ceste. Smascherato, il finto testimone ha ammesso di essere in cerca di fama televisiva.

 

 

Matteo-Messina-Denaro decimato il suo clan 16 arresti

Mafia ultima ora, decimato il clan di Matteo Messina Denaro: 16 arresti

cisl jobs act

Jobs Act: Uil e Cgil ancora inferocite, colpo di scena dalla Cisl che appoggia le riforme