in ,

Pomeriggio 5 Anticipazioni 5 ottobre 2016, ultime notizie di cronaca in Italia

Le Anticipazioni di Pomeriggio 5 arrivano come ogni giorno. Di cosa si parlerà oggi, 5 ottobre 2016, a Pomeriggio 5, il  salotto più seguito del pomeriggio italiano: quali gli argomenti affrontati negli studi Mediaset? Quali saranno i temi trattati da Barbara D’Urso all’interno del salotto più amato dagli italiani nel prime time feriale? Dal lunedì al venerdì, infatti, a partire dalle ore 17:15, la trasmissione di Canale 5 è la più seguita del palinsesto televisivo. Il successo di Barbara D’Urso va individuato nella capacità di saper far conciliare notizie di cronaca nera a news relative alla sanità, fino a toccare temi molto più “soft” come il gossip e l’estetica.

>>> TUTTO SUL MONDO DELLA CRONACA CON URBANPOST<<<

Stando alle anticipazioni del 5 ottobre 2016, a Pomeriggio 5 grande attenzione sarà data alle ultime notizie di cronaca in Italia: il caso principale che verrà trattato, così come nei giorni precedenti, sarà quello di Seriate con l’omicidio, misterioso, di Gianna Del Gaudio. Inoltre, si commenteranno gli ultimi aggiornamenti sul caso Roberta Ragusa. Non mancheranno, probabilmente, i commenti sul referto che sta facendo discutere tutta l’Italia: Stefano Cucchi, infatti, sarebbe morto per epilessia.

Nella puntata di oggi, 5 ottobre, saranno approfonditi nello studio di Pomeriggio 5 i temi relativi alla malasanità e i maltrattamenti subiti, in alcune strutture, dai ragazzini. Anche ieri, infatti, tra i servizi andati in onda nello studio di Barbara D’Urso, c’è stato spazio per due maestre che picchiano i propri alunni. L’ultima parte di trasmissione di Pomeriggio 5, infine, sarà dedicata alle notizie più soft e da cronaca rosa: dal mondo del gossip all’estetica e l’alimentazione, questo e tanto altro in compagnia di Barbara D’Urso e dei suoi ospiti.

 

Seguici sul nostro canale Telegram

Replica L’Allieva: ecco dove vedere la prima puntata del 4 ottobre 2016

Riforma pensioni elezioni politiche

Sondaggi Referendum Costituzionale 4 dicembre: Sì o No, è quasi pareggio