in

Pomeriggio 5, anticipazioni 9 dicembre: omicidio Andrea Loris Stival, la madre incastrata dai filmati delle telecamere

Ultima settimana per l’andata in onda del programma Pomeriggio 5, che dopo lo stop natalizio, riprenderà le puntate il 12 gennaio. In attesa di scoprire quali saranno i temi affrontati e gli ospiti attesi in puntata, tutte le anticipazioni si concentrano sul caso dell’omicidio del piccolo Andrea Loris Stival. Dopo più di sei ore dell’interrogatorio, Veronica Panarello, madre di Loris, ha trascorso la notte in un ufficio volanti della questura di Ragusa, tentando di rendere conto delle tante contraddizioni emerse durante le indagini.

Per la procura non vi è dubbio, sarebbe la 25enne ad avere ucciso il figlio. Le riprese di una vecchia azienda agricola vicino al mulino vecchio, incastrerebbero la donna, ripresa transitare e fermarsi con l’auto vicino al canale del ritrovamento del cadavere. Poi 9 minuti di buco, in cui Veronica, non ripresa, avrebbe avuto tutto il tempo di gettare il corpo del figlio nel luogo dove è stato ritrovato. Un’altro occhio elettronico la sbugiarda. E’quello nei pressi della scuola di Loris. La donna ha dichiarato di aver lasciato il bimbo nei pressi dei cancelli scolastici, ed il fratellino alla ludoteca, ma le telecamere la smentiscono. Loris, a scuola, non è mai entrato.

Un nuovo interrogatorio è in corso, iniziato stamane alle 8.15. Il marito della donna per la prima volta, tace, e non difende più la giovane moglie. Anzi, l’uomo ha dichiarato: “Se è stata lei voglio solo sapere perché, poi, per me, può anche morire”. Continua a schierarsi dalla parte di Veronica, la sorella, che sui social posta un messaggio criptico “inFAUSTO pensiero”, testo che riconduce ad un parente del cacciatore Orazio Fidone, Fausto, appunto, l’uomo che ha trovato il corpo di Loris. Perché questa indiretta accusa? Si attendono gli aggiornamenti da Barbara D’Urso a pomeriggio 5

Berlino Capodanno 2015

Voli low cost Berlino Capodanno 2015

Ghirardi fallimento Parma

Parma penalizzato per l’Irpef: -1 in classifica