in

Ponti a rischio in Italia: allarme per la E45, la Orte-Ravenna

E’ considerata da sempre un’arteria strategica, con il suo tracciato che attraversa il cuore dell’Italia. Ma la SS3 bis Tiberina, meglio nota con il suo nome europeo E45, è una strada vecchia. Come vecchi sono i suoi ponti, costruiti negli anni ’70 quando fu realizzata la superstrada a 2 corsie per ogni ogni senso di marcia. Oggi, come confermato da uno dei tecnici che meglio conoscono questa strada, sono tra i ponti considerati a rischio in Italia. E la preoccupazione sale, prima di tutto tra chi la percorre molto spesso, avanti e indietro, tra Orte e Ravenna. La E45 è infatti tra le arterie più trafficate d’Italia, rappresentando una comoda alternativa al valico appenninico tra Bologna e Firenze.

«Chiediamo formalmente che il presidente della Provincia, Davide Drei, attivi, con il suo omologo di Arezzo, il presidente Roberto Vasai, un tavolo di lavoro e verifica sullo stato dell’arte dell’E45». A parlare è Fabrizio Ragni, coordinatore provinciale di Forza Italia Forlì-Cesena, preoccupato come molti altri delle parole di Giovanni Cardinali, ex ingegnere capo della provincia di Arezzo ed esperto di infrastrutture. «Si tratta di una strada costruita prima della classificazione sismica di Bagno di Romagna e Pieve Santo Stefano, località che ha visto un recente crollo della carreggiata –  ricorda in una nota l’esponente politico romagnolo – Una strada costruita con il vecchio cemento armato precompresso, sensibile al freddo, al vento, all’escursione termica, alla corrosione ed alla trazione, diventato tristemente noto a Genova. Materiale che sembrava perfetto negli anni ‘60 ma oggi assolutamente superato».

Negli ultimi due anni sono stati numerosi gli interventi di manutenzione agli altissimi viadotti della E45 tra Verghereto, Bagno di Romagna e Sarsina. L’importante arteria è sempre costellata di cantieri, con non poche difficoltà per gli automobilisti e i numerosi mezzi pesanti che la utilizzano per raggiungere Roma dalla costa romagnola e dal Veneto. «L’Anas – prosegue Fabrizio Ragni – ha risposto ai sindaci dei Comuni della Valle del Savio ed al Comune di Pieve Santo Stefano che saranno effettuate verifiche tecniche ai ponti, viadotti, gallerie, lungo tutta la E45. Chiediamo che nel tavolo trans-provinciale Forlì-Cesena-Arezzo da noi richiesto si deliberi la nomina di tecnici ed esperti super partes e non soltanto nominati dall’Anas per evitare che a controllare lo stato dell’arte dell’E45 sia lo stesso controllato». Anche il Codacons si è associato alla richiesta di immediate verifiche ai ponti sulla E45, con temporaneo stop alla circolazione dei mezzi pesanti.

E come dargli torto. I piloni di molti dei viadotti romagnoli della E45 mostrano segni di notevole logorio. “Più si prosegue verso l’entroterra, più i piloni acquistano le sembianze di una scacchiera”, scrive il Corriere di Romagna segnalando i ponti che presentano evidenti segni di deterioramento in particolare nei passaggi sopra a Cesena e al suo vasto territorio comunale. Su Facebook è nato un gruppo dal nome “Vergogna E45”, con l’obiettivo “raccogliere testimonianze sullo stato di degrado della E45, e idee su come provare a risolvere questo problema”. Le segnalazioni sono veramente tante, soprattutto per i disagi creati dai cantieri. E Anas che dice? In questi giorni “bollenti” per le infrastrutture italiane dopo la tragedia di Genova, l’ente nazionale delle strade fa sapere che “sono al lavoro 110 ispettori che da inizio anno hanno eseguito oltre 26mila ispezioni su più di 13mila opere tra ponti, viadotti e cavalcavia”. Tra questi ci saranno anche quelli della E45?

Leggi anche –> Il crollo del ponte Morandi a Genova

Written by Andrea Monaci

48 anni, fondatore e direttore editoriale di Urbanpost.it, ha iniziato la sua carriera con la cronaca locale, ma negli ultimi 20 anni si è occupato principalmente di lavoro, criminalità organizzata e politica. Ha scritto tra gli altri per il "Lavoro e Carriere" e "Il Secolo XIX". Quando non lavora le sue passioni sono la musica rock, i cani, le vecchie auto e la buona cucina.

Maurizio Costanzo intervista

Maurizio Costanzo gossip news: “Sì, quella mi manca tantissimo…”

Giovinazzo: gravissima la bimba di 6 anni colpita dal cavo di una giostra