in ,

Pordenone omicidio Teresa e Trifone, news Giosuè Ruotolo processo: attesa ad ore la sentenza

Omicidio Teresa e Trifone ultime notizie: ultima udienza oggi, 6 novembre, del processo di primo grado a carico di Giosuè Ruotolo, unico imputato accusato del duplice delitto avvenuto il 17 marzo 2015 nel parcheggio del palazzetto dello sport ‘Crisafulli’ di Pordenone.

Al termine dell’udienza in Corte d’assise a Udine i giudici si ritireranno in camera di consiglio. La sentenza è attesa ad ore. La pubblica accusa ha chiesto per Ruotolo, che si dichiara innocente e completamente estraneo ai fatti, la condanna all’ergastolo. Dopo l’intervento oggi degli avvocati delle parti civili, sarà la volta delle contro repliche della difesa; l’avvocato Roberto Rigoni Stern, che difende Giosuè Ruotolo, ha già annunciato che la discussione sarà molto ampia.

>>> Pordenone omicidio Teresa e Trifone, Giosuè: gelosia e omosessualità, le accuse del pm <<<

La madre di Trifone si dice convinta che Giosuè sarà condannato all’ergastolo

Convinta che i giudici condanneranno l’imputato, Eleonora Ferrante, mamma di Trifone: “Io sono certa che per Trifone e Teresa, per la loro ingiusta morte avranno giustizia. L’ergastolo ci sarà e soprattutto ci sarà la punizione divina, specialmente se non si converte, se non si pente, cosa che non ha mai fatto”, così la donna ai microfoni di Telenorba. Mamma Eleonora ha inoltre ammesso di essere “serena” e di provare compassione per i genitori di Giosuè.

“Anche se questo trauma grandissimo probabilmente non lo supereremo mai c’è da dire che la tragedia ci ha fatto arricchire dal punto di vista umano. Mio figlio, il piccolo, una volta mi ha detto, ‘Mamma ti rendi conto, noi siamo ancora capaci di sorridere?’ Ed è vero, oggi riusciamo anche a sorridere, perché abbiamo fede”, ha aggiunto la mamma di Trifone.

paradise papers list

Paradise Papers lista nomi: coinvolte anche star della musica internazionale (FOTO)

chiara appendino indagata

Torino: Chiara Appendino indagata per i fatti di Piazza San Carlo

Back to Top