in ,

Porto Empedocle alias la Vigata di Camilleri: demolito il palazzo dei racconti dello scrittore siciliano

L’architetto Salvatore Burgio, nel 2003 aveva acquistato a Porto Empedocle, in provincia di Agrigento, Palazzo Montagna, dimora di grande valore artistico e culturale, per farne un centro di accoglienza turistica. Il proprietario ha demolito con le ruspe la storica dimora, dopo che il suo progetto di ristrutturazione gli è stato bocciato dalla Soprintendenza, la quale ora lo ha denunciato per avere raso al suolo un monumento di pregio, sottoposto a vincolo architettonico.

camilleri montalbano premio carvalho

Palazzo Montagna è particolarmente caro non solo agli empedoclini, ma anche ai lettori dei racconti di Andrea Camilleri, che ha scelto proprio questo luogo per ambientarvi molte scene dei suoi appassionanti libri, in particolare “Un filo di fumo”. L’edificio costruito nel 1856 è stato anche sede di una filiale di una società commerciale americana ed era chiamato per questo motivo stabilimento Goldheart. La Vigata di Camilleri è Porto Empedocle, luogo di traffici commerciali tra le nazioni di tutto il mondo, quando lo zolfo arrivava dall’entroterra della Sicilia e veniva smistato proprio dallo scalo merci posto difronte all’attuale cumulo di macerie.

Salvatore Burgio che è stato anche ex assessore ai Lavori pubblici di Porto Empedocle, ha preferito farsi denunciare per avere raso al suolo un edificio sottoposto a vincolo, piuttosto che veder crollare, a causa del forte degrado, il suo magico e nobiliare palazzo. La Procura di Agrigento adesso si  dovrà occupare della vicenda

Nata e cresciuta in Sicilia. Studi classici e giuridici, lettrice appassionata di poesie e letteratura. Convinta sostenitrice che esiste una seconda possibilità in ogni campo anche per l'Italia.

Jürgen Klopp facebook

Barcellona: Martino a rischio, Klopp in cima alle preferenze (Video)

Domenicali Fernando Alonso fans club facebook

Ferrari: l’addio di Domenicali e l’arrivo di Mattiacci