in

Poste Italiane lavora con noi marzo 2017: posizioni aperte in tante città, requisiti e scadenze

Siete in cerca di occasioni per entrare a far parte del grande gruppo di Poste Italiane? Buone notizie in arrivo: dopo il primo maxi-recruiting di inizio anno, continuano le assunzioni 2017 per reclutare portalettere in molte regioni d’Italia, ovvero Valle d’Aosta, Piemonte, Liguria, Lombardia, Veneto, Trentino Alto-Adige, Friuli Venezia Giulia, Emilia-Romagna e Marche.

Quali sono i requisiti per lavorare come postini con Poste Italiane

Per potersi candidare come portalettere è necessario aver conseguito un diploma con valutazione pari almeno a 70/100 o una laurea con 102/110. Richiesta inoltre idoneità di guida al motomezzo aziendale e certificato medico di idoneità fisica (per la sola provincia di Bolzano è necessario essere in possesso del patentino del bilinguismo). Il gruppo offre ai selezionati un contratto a tempo determinato.

[urban-lavoro lavoro=”diplomati” dove=”Italia”/]

Come candidarsi all’offerta di lavoro di Poste Italiane

Ricordatevi che avete tempo fino al 5 marzo 2017 per candidarvi a una delle offerte (è ammessa solo una preferenza territoriale): la domanda va presentata online, dopo essersi muniti delle credenziali per accedere alla piattaforma di eRecruiting di Poste Italiane. Se sarete selezionati, riceverete dapprima una telefonata delle Risorse Umane Territoriali di Poste italiane alla quale seguirà una mail; l’iter di selezione consiste nella somministrazione di un test attitudinale on line e in una seconda prova da svolgersi in aula, con colloquio e prova d’idoneità alla guida del motomezzo (ovvero di un motomezzo 125 cc a pieno carico di posta). In bocca al lupo!

SCOPRI TUTTE LE ULTIME OFFERTE DI LAVORO SU URBAN POST!

In apertura: logo tratto dalla pagina Facebook ufficiale “Poste Italiane”

cadavere nell'armadio

Gran Bretagna donna sparita da oltre un anno: trovato il cadavere, ecco dov’era nascosto

Pensioni 2017 news: età pensionabile, esodati e donne, attesa per le decisioni del Governo

Pensioni 2017 news: lavoratori precoci in pensione con 41 anni di contributi dal 1° maggio 2017