in ,

Pranzo di Natale 2015 a Venezia: le migliori ricette della tradizione

Che cosa mangiare a Venezia per il pranzo di Natale 2015? Ecco le migliori ricette della tradizione! Iniziamo con l’aperitivo veneziano più diffuso in città, che è lo spritz, prosecco con aperol o select o campari, ghiaccio e una bella spruzzata di seltz. Altro aperitivo famoso nel mondo è il Bellini, prosecco e purea di pesche bianche, inventato da Giuseppe Cipriani in omaggio al pittore Giovanni Bellini.

Il pranzo può cominciare con un bel panettone di tramezzini, (altra specialità veneziana) farciti con caviale, salmone, patè, insalata russa, maionese tartufata o con dei piccoli quadratini di pane spalmati di baccalà mantecato ornato di prezzemolo fresco. I primi piatti prevedono i bigoli (particolari spaghettoni) al ragù d’anatra, un assaggio di pasta e fasioi , linguine ai caparossoli, risottino con la salsiccia, con i bisi o di pesce. Per il secondo si continua con l’anatra all’arancio, oppure, se si preferisce, una serie di piattini di pesce, baccalà mantecato, seppie in nero, sardelle in saor, frittura mista alla veneziana.

Per i contorni, fondi di carciofo e patate alla veneziana (si lessano le patate in acqua bollente salata per 20 minuti, dopo averle sbucciate, si affetta la cipolla e si trita il prezzemolo. Si taglino a pezzi le patate e si rosolano in padella con burro e olio, insieme alla e cipolle, sale, pepe e altri venti minuti. Si aggiunge il prezzemolo tritato alla fine). Dolci immancabili? I bussoai e le esse buranee, i zaeti con farina di polenta e uvetta, magari con a fianco una coppetta di zabaione caldo.

Photo Credit: Robyn Mckenzie / Shutterstock

scomparsa ylenia carrisi news

Ylenia Carrisi, il detective Halley non si dà pace: “Ho buona pista, continuerò ricerca”

Golden Globe 2017

Golden Globe 2016, tutte le nomination: Ennio Morricone candidato per la musica del film di Tarantino