in ,

Pranzo di Natale 2016 a Milano: le ricette della tradizione per tornare bambini

Pranzo di Natale 2016 a Milano: ricette per festeggiare secondo la tradizione

Quale migliore occasione del pranzo di Natale 2016 per riscoprire le ricette della propria tradizione? Il 25 dicembre è infatti una giornata di festa perfetta per mettersi alla prova in cucina e portare in tavola ai propri ospiti quelle ricette tradizionali che ci ricordano l’infanzia. Siete quindi alla ricerca delle ricette tipiche del pranzo di Natale a Milano? Ecco tutto quello che dovete sapere per un preparare un menù ricco e gustoso che ricorderà ai vostri ospiti i sapori di quando erano bambini.

=>Volete essere sempre aggiornati? Seguiteci anche sulla pagina Facebook URBAN DONNA!

Pranzo di Natale 2016 a Milano: il panettone, re della tavola del 25 dicembre

Per quel che riguarda il pranzo di Natale a Milano, nelle case dei meneghini doc si potrebbe partire dal dolce, quel panettone tradizionale che non può che essere accompagnato da una crema al mascarpone fresca e fatta in casa. E’ certamente lui il re della tavola a Natale nelle case dei milanesi che, nella maggior parte dei casi, si affidano a pasticcerie di fiducia che li producono artigianalmente in questo periodo. I più esperti in cucina però lo possono anche preparare in casa: qui potete trovare la ricetta tradizionale da seguire passo dopo passo per portare in tavola il 25 dicembre il vostro panettone.

Pranzo di Natale 2016 a Milano: antipasti, primo in brodo e secondo

Scherzi a parte però il panettone è solo la conclusione del menù di Natale 2016 dei milanesi doc che fin dagli antipasti non si risparmiano: non possono mancare in tavola infatti i salumi della tradizione, patè di fegato, gnervitt o nervetti, sottaceti e insalate russe. Solitamente invece il primo piatto è in brodo: i ravioli di carne infatti sono il piatto prediletto a Milano città, anche se qualcuno azzarda un risotto alla milanese.

Ad ogni modo, chi desidera prepararli in casa, deve sapere che ci vuole parecchio tempo; il giorno prima infatti va preparato il brodo di carne (ingredienti: 1 kg di carne per bollito, 1 osso per bollito, 1 cipolla bianca, 1 sedano, 2 carote, 3 spicchi d’aglio, prezzemolo, 2 patate, 1 scorza di formaggio, 3 o 4 pomodorini, sale e acqua quanto basta). Il tutto dovrà cuocere almeno un’ora e mezza sul fuoco e poi dovrà raffreddare. La stessa carne bollita vi servirà per preparare il ripieno dei ravioli, da frullare insieme a 200 gr di formaggio grattugiato, 2 uova, 150 gr di pangrattato, 100 gr di mortadella, 1 carota e 1 patata lessate, sale e pepe quanto basta. Infine per la pasta all’uovo sarà sufficiente unire nella fontana di farina le uova e un pizzico di sale: impastate e una volta ottenuto un panetto omogeneo lasciatelo riposare una mezz’ora. Passato il tempo necessario, stendete la pasta e cominciate a posizionare i ripieni, poi chiudete la pasta e tagliatela fino ad ottenere i ravioli. Ricordate invece di cuocere i ravioli nel brodo del giorno prima solo pochi minuti prima di metterli in tavola.

Per chiudere un menù del pranzo di Natale 2016, che nel capoluogo lombardo è sostanzialmente a base di carne, non può mancare il cappone al forno: qui potete trovare una rivisitazione dello chef Sergio Barzetti de La Prova del Cuoco a base di castagne e arance per un assaggio tra tradizione e innovazione.

vittime maltempo 7 gennaio

Previsioni meteo 14 dicembre 2016: nebbie in Valpadana, qualche pioggia su Liguria, Toscana e isole maggiori

simone susinna malore isola

Isola dei Famosi 2017 inviato: Francesco Facchinetti scalza Stefano Bettarini