in

Prato: 25enne sequestra ex compagna, la uccide e poi si toglie la vita

Orrore a Prato, dove un ragazzo ha sequestrato la ex fidanzata e dopo averla uccisa si è tolto a sua volta la vita. L’auto con i due cadaveri è stata trovata oggi 26 maggio in un parcheggio di San Miniato (Pisa). L’autore dell’omicidio-suicidio sarebbe stato il calciatore 25enne Federico Zini: secondo una prima ricostruzione, avrebbe sparato all’ex compagna Elisa Amato e poi con la stessa arma si sarebbe suicidato.

Proprio a San Miniato il 25enne abitava. Alla luce delle indiscrezioni che trapelano in queste ore, avrebbe dapprima la vittima, sua ex compagna, davanti alla sua abitazione a Prato e, dopo un acceso diverbio, l’avrebbe costretta a salire sull’auto di lei per dirigersi a San Miniato, dove sarebbe avvenuto l’omicidio-suicidio. L’allarme ai carabinieri sarebbe arrivato da alcuni cittadini di Prato che, intorno alle 3 di questa notte, avrebbero udito i due ragazzi litigare e urlare in mezzo alla strada. Altri avrebbero riferito a chi indaga di avere altresì udito colpi di arma da fuoco, e poi un’auto sfrecciare via. Giunti sul posto indicato, però, i carabinieri non avrebbero trovato nessuno. Dalle prime indagini i militari sono riusciti in un primo momento a risalire al nome della donna, italiana, che non aveva fatto rientro a casa. Poco dopo un’attenta perlustrazione della abitazione è stata trovata l’auto del suo ex e le ricerche sono state subito estese.

Il tragico ritrovamento dei corpi è avvenuto nella prima mattina di oggi. I cadaveri erano nell’auto della ragazza, posteggiata in un parcheggio a San Miniato. Non è chiaro se l’uomo abbia ucciso l’ex già a Prato o l’abbia costretta a salire in auto e poi le abbia sparato una volta raggiunto quel parcheggio. (Foto da Facebook)

CARABINIERI indagini

Concorso Carabinieri 2018 requisiti e prove: opportunità per 2000 allievi, ecco scadenza domande e info utili (GUIDA COMPLETA)

Nina Moric oggi: “Non so come faccia a reggersi in piedi”, momento ‘no’ per la ex di Fabrizio Corona