Menu
in

“Premio Strega 2020”, la cinquina diventa sestina: Veronesi in testa

Non sono mancate sorprese alla prima votazione del Premio Strega 2020, che ha annunciato in diretta streaming dal Tempio di Adriano a Roma, a causa dell’epidemia di Coronavirus, i finalisti della 74esima edizione. In corsa per la vittoria sarà una sestina e non una cinquina, come da tradizione, guidata dal super favorito Sandro Veronesi, che con il suo ‘Il colibri’ ha ricevuto 210 voti. Nel corso della serata è avvenuta anche la proclamazione del vincitore del Premio Strega giovani giunto alla sua settima edizione. A trionfare Daniele Mencarelli con il libro edito da Mondadori Tutto chiede salvezza’. 

leggi anche l’articolo —> Chi era Roberto Gervaso, il giornalista e scrittore col papillon appassionato di storia

“Premio Strega 2020”, la cinquina diventa sestina: Veronesi in testa

Non sarà una cinquina, ma una sestina, a caratterizzare il gran finale del Premio Strega 2020. Al primo posto, come abbiamo già ricordato, Sandro Veronesi con 210 voti, di cui 125 dagli Amici; al secondo posto, a pari merito con 199 voti, Valeria Parrella con ‘Almarina’ (Einaudi; 112 voti dagli Amici) e Gianrico Carofiglio con ‘La misura del tempo’ (sempre Einaudi, con 140 voti degli Amici). Quarto posto per Gian Arturo Ferrari che con ‘Ragazzo italiano’ (Feltrinelli) ha ottenuto 181 voti (135 dagli Amici). Daniele Mencarelli con ‘Tutto chiede salvezza’ (Mondadori), ne ha presi 168 voti. ‘Più Febbre’ di Jonathan Bazzi (Fandango), grazie al regolamento, è riuscito a spuntarla, agguantando il sesto posto. Il vero colpo di scena, infatti, consiste proprio nel ripescaggio del primo autore pubblicato da un piccolo o medio editore, previsto dalla clausola di salvaguardia del 2015 del Comitato direttivo, applicata per la prima volta quest’anno. Come da consuetudine la serata di premiazione si terrà al Museo Etrusco di Villa Giulia, il 2 luglio, con diretta Rai. Grandi esclusi dalla sestina Silvia Ballestra (La nuova stagione, Bompiani), Marta Barone (Città sommersa, Bompiani), Alessio Forgione (Giovanissimi, NN), Giuseppe Lupo (Breve storia del mio silenzio, Marsilio), Remo Rapino (Vita, morte e miracoli di Bonfiglio Liborio, minimum fax) e Gian Mario Villalta (L’apprendista, Sem).

Daniele Mencarelli: «Sono sopraffatto dalle endorfine»

Daniele Mencarelli con ‘Tutto chiede salvezza’ (Mondadori), 168 voti, è stato proclamato vincitore del Premio Strega Giovani 2020 dal presidente della Camera, Roberto Fico, in collegamento non senza difficoltà via Skype. «Sono sopraffatto dalle endorfine. Lo dedico a quelli che vivono un Tso sulla loro pelle, glielo dedico con tutto me stesso», ha detto Mencarelli, mentre riceveva l’agognato premio dalle mani schermate da guanti, per via delle norme di sicurezza, di Loredana Lipperini. leggi anche l’articolo —> Premio Strega 2020 annunciata la dozzina: i dodici autori finalisti

Written by Cristina La Bella

Cristina La Bella è redattrice di "UrbanPost". Sin da bambina sogna di diventare giornalista. Si laurea nel 2014 in "Lettere Moderne" e nel 2017 in "Filologia Moderna" all'Università La Sapienza di Roma. Il 16 aprile 2018 riceve il riconoscimento di "Laureato Eccellente" per il suo percorso di studi. Cofondatrice di "Voci di Fondo", ha scritto, tra i tanti, con giornali quali "Prima Pagina Online", "Newsly", “SuccedeOggi" e “LuxGallery”. Nel tempo libero le piace leggere, vedere film e fare shopping. Il più grande amore: i suoi nipotini.