in

Presadiretta anticipazioni: Riccardo Iacona fra “Ricchi e poveri”

Lunedì 2 settembre, subito dopo Un Posto al Sole, su Rai 3, andrà in onda la prima puntata della nuova stagione di Presadiretta, una prima puntata che Riccardo Iacona, giornalista e conduttore della nota trasmissione, ha voluto intitolare Ricchi e poveri, per poter affrontare, attraverso una inchiesta, la crisi economia, perché come dice al settimanale Vero Tv: “la crisi è anche un moltiplicatore di ingiustizie. Mentre aumentano i poveri, i ricchi diventano, infatti, sempre più ricchi”.

presadiretta

Secondo Riccardo Iacona, infatti, la “spaventosa” situazione in cui riversa l’Italia deve essere combattuta in fretta. Nella stessa intervista, infatti, il giornalista dice che: “c’è un fattore che non viene considerato: il tempo. Bisogna fare presto, perché ogni nuova impresa che fallisce ne coinvolge delle altre, quelle che gravitano intorno al suo indotto”.  Insomma, a quanto traspare dall’intervista, in una Italia alla deriva c’è bisogno che, attraverso i grandi programmi di informazione e approfondimento la gente capisca bene cosa sta accadendo ed inizia a svegliarsi e a correre contro il tempo per poter invertire la rotta. Iacona, infatti, ha durante la preparazione della puntata e del programma, nel suo lavori di giornalista, ha potuto toccare con mano “migliaia di fallimenti” ovvero si è imbattuto in imprese che hanno chiuso per fallimento, in operai con famiglie da mantenere che, improvvisamente si sono ritrovati senza lavoro e ha potuto ascoltare le storie di persone disperate che o in cassa integrazione o addirittura completamente senza lavoro si chiedono come potranno fare a vivere.

Per il conduttore di Presadiretta, quindi, “c’è bisogno di inchiesta. Il dibattito politico tende a cancellare le problematiche della realtà e quindi è bene che ci sia chi alza il velo su ciò che ci vogliono far vedere” e proprio per questo motivo, sulla terza Rete Rai cercherà, nello spazio che si è riuscito a ritagliare, di portare in onda temi scottanti legati all’attualità e alla cronaca e di far discutere e aprire gli occhi a quanti più telespettatori possibili.

Seguici sul nostro canale Telegram

Napoli: Totò e Sofia Loren utilizzati per indicare i bagni

Valentina Col morta per embolia polmonare, poteva essere salvata?