in

Presidente della Camera Boldrini vieta Facebook e Twitter durante le sedute

Richiamo della presidente della Camera Laura Boldrini ai deputati affinchè si astengano dall’uso dei social network (Facebook, Twitter, etc.) per diffondere notizie e commenti durante le riunioni dell’Ufficio di presidenza e della Conferenza dei capigruppo. Il monito della Boldrini, è lei stessa a specificarlo, è  ”nel rispetto della discussione” e per evitare ”che rimbalzi dall’esterno turbino la serenita’ delle riunioni”.

Laura Boldrini Presidente

Insomma, va bene la trasparenza ma senza esagerare. Un  messaggio inviato soprattutto alla ‘pattuglia’  di deputati del Movimento Cinque Stelle che hanno fatto bandiera della trasparenza e della condivisione in rete di tutto ciò che accade all’interno del Parlamento (celebre il motto ‘lo apriremo con una scatola di tonno’).

Chiamato indirettamente in causa Riccardo Nuti (vicepresidente dei deputati ‘grillini’) che nella mattinata odierna aveva effettivamente condiviso la notizia del mancato sblocco della questione riguardante le commissioni parlamentari permanenti, la battaglia del momento dei neodeputati, anche se fonti interne alla riunione hanno fatto sapere che la discussione in merito non era ancora iniziata.

Proprio per evitare questi cortocircuiti mediatici il presidente della Camera ha imposto un giro di vite sull’eccessivo ‘sharing’, utile per informare in tempo reale gli utenti del web ma in effetti probabile causa di un possibile condizionamento delle stesse riunioni. Con questo monito la Boldrini intende evitare questo pericoloso ‘effetto boomerang’.

Vinum Aprile 2013 ad Alba: programma ed eventi

Calcio Milan: ricorso per le tre giornate a Balotelli